Archivi non film

Archivio Fotografico

Lĺimmaginario di un deposito di scatti

Bookmark and Share
Con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna
Oltre due milioni di immagini

La cifra complessiva dà già l’idea caleidoscopica di quanto è conservato all’interno: un deposito di oltre un milione di immagini. È questa la vistosa dote con cui l’Archivio fotografico completa e approfondisce la memoria visiva custodita nel cuore cinematografico della Cineteca. Il tutto con un doppio indirizzo che rispecchia anche il bivio di finalità a cui è predisposto: da una parte, la volontà di documentare fotograficamente la storia del cinema, dall’altra quella di curare e rendere accessibile il patrimonio delle immagini storiche di Bologna, ovvero della città che ospita l’Archivio.

Il cinema e Bologna: le due sezioni principali 

La Sezione Cinema è composta da oltre 350.000 fotografie, tra immagini di scena e di lavorazione dei film, ritratti di attori e registi e tutti quei documenti visivi che fotografi e collezionisti hanno ceduto o donato alla Cineteca. La Sezione Bologna invece ingloba oltre 800.000 immagini, realizzate tra il 1873 e il 2000, acquistate o donate alla Cineteca. La collezione riunisce l'intera produzione di alcuni fotografi, ma anche singoli scatti, piccoli fondi, album “familiari”, cartoline e stereoscopie.

Le mostre, occasioni di dialogo col presente

A testimonianza del carattere dinamico che questo deposito vuole mantenere nel suo continuo dialogo con il presente, a scadenze regolari l’archivio fotografico diventa curatore e promotore di una serie di mostre che di volta in volta si concretano su alcuni segmenti monografici, tematici o storici del mondo del cinema e sulla storia della città per poterli illustrare nel potenziale inedito di una loro continua riscoperta.