Centro per l'audiovisivo

Location - Fiumi

Bookmark and Share

A partire dal 1100, il Comune di Bologna realizzò un importante sistema di canali necessari per la difesa e i traffici commerciali. Fino al XII secolo, la sola via d’acqua bolognese era il torrente Aposa che, rivelatosi insufficiente con l’espansione della città, fu affiancato dai canali Reno, Savena, Cavaticcio e Navile. I canali furono progressivamente tombati quando l’energia meccanica dell’acqua fu sostituita con quella elettrica, mentre la navigabilità del canale Navile fu abbandonata con l’avvento del treno. Oggi, grazie al crescente ripristino in atto e a nuovi recuperati itinerari, la Bologna dei canali e delle vie d’acqua, dei percorsi sotterranei e dei cunicoli, rivive in città e in Provincia.

Galleria Fotografica