Sabato 25 giugno 201117.15
Cinema Lumičre - Sala Scorsese

OKRAINA

(Urss/1933) di Boris Barnet (93')

T. it.: Sobborghi; Sog.: dalla novella omonima di Konstantin Finn; Scen.: K. Finn, B. Barnet; F.: Mihail Kirillov, Andrej Spiridonov; Scgf.: Sergej Kozlovskij; Mu.: Sergej Vasilenko; Su.: Leonid Obolenskij, Nikolaj Ozornov; Int.: Sergej Komarov (Grešin), Elena Kuz'mina (Man'ka, sua figlia), Robert Erdman (Robert Karlovič), Aleksandr Čistjakov (Kadkin), Nikolaj Bogoljubov (Kol'ka), Nikolaj Krjučkov (Sen'ka), Mihail Žarov (menscevico), Vladimir Ural'skij (cocchiere), Hans Klering (Müller, prigioniero tedesco), Andrej Fajt (2° prigioniero tedesco), Mihail Janšin (soldato contadino), Daniil Vvedenskij (reazionario), A. Ermakov (caporeparto), B. Barnet (ubriaco); Prod.: Mežrabpomfil'm; Pri. Pro.: 25.03.1933
35mm. D.: 93'. Bn. Versione russa / Russian version

A seguire
Dialoghi
Naum Kleyman, profondo conoscitore del cinema russo, e Eugenia Gaglianone, discutono del cinema di Boris Barnet

Il successo che Okraina riscosse all'epoca, in patria e all'estero, superò di gran lunga le aspettative degli autori. Primo film sonoro di Barnet, è anche quello dove la sua idea di equilibrio tra drammaticità e elemento comico si manifesta con maggiore forza. Nella remota e patriarcale cittadina, dove l'economia ruota esclusivamente intorno a un calzaturificio e tutti sono calzolai, lentezza e grigiore sembrano rispondere a un tempo proprio, indefinito. Sarà l'urto della Grande Storia, con la guerra e le rivoluzioni del '17 a scuotere i destini di un'umanità sospesa e a metterla alla prova. "Pathos rivoluzionario" e "internazionalismo proletario" possono essere considerati temi fondanti di Okraina. Ma anche qui Barnet svela «tutta la sua potenza innovatrice e la sua maturità di artista nel riuscire a raccogliere e reinterpretare i motivi, i procedimenti e i caratteri del cinema sovietico che si andavano configurando, per immergerli ancora in un sentire proprio» (Evgenij Margolit). La poesia amalgama i ritratti degli innumerevoli personaggi in una coralità straordinaria. L'esultanza finale passa in secondo piano e la morte di Kol'ka, per quanto simbolica, è ben lontana dall'essere forgiata sullo stereotipo del sacrificio catartico dell'eroe. Intanto il sonoro diventa per Barnet un nuovo punto di forza. L'atmosfera si arricchisce di sfumature mentre drammaticità, umorismo e lirismo ritrovano la loro coesione.

Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 144
Aria condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 0512195311