Giovedì 28 febbraio 201320.00
Cinema LumiŤre - Sala Officinema/Mastroianni

Fare cinema a Bologna e in Emilia-Romagna / Visioni Italiane / Visioni Doc

Fare Cinema a Bologna e in Emilia-Romagna
WELCHOME (Italia/2012) di Gloria Allegrucci (7')
La storia di Luana, una ragazza in cerca di una stanza a Milano che si ritrova in balia di personaggi e situazioni assurde.

Visioni Italiane
LOS AVIONES QUE SE CAEN (Italia/2012) di Mario Piredda (12')
Nella periferia di L'Avana, Hugo sogna di giocare alla pelota. In un pomeriggio di pioggia indosserà i panni di un campione.

SILENZIOSA-MENTE
(Italia/2011) di Alessia Travaglini (5')
Un contemporaneo Alice nel paese delle meraviglie in cui il mondo delle meraviglie è rappresentato dai tormenti che la protagonista vive all'interno di uno spazio popolato da strani personaggi e figure simboliche. Un'allegoria della società attuale e delle sue forme di comunicazione.

UNA VOLTA FUORI
(Italia/2012) di Renato Chiocca (12')
Una strada sul mare, il viaggio in macchina di Emanuele e suo zio verso un incontro inaspettato. Tratto da Gli innocenti di Gipi.

IL GATTO NERO
(Italia/2011) di Paolo Gaudio (6')
Un giovane uomo prova piacere nel torturare i suoi animali domestici, in particolare il suo gatto nero. Questo atteggiamento lo porterà alla follia e a imprevedibili comportamenti. Tratto da un racconto di E.A. Poe.

UN VERO PORTIERE
(Italia/2012) di Lisa Riccardi (5')
Caterina ha undici anni ed è una bambina un po' originale, odia le bambole e adora giocare a calcio. Ha un idolo, Renè Higuita, e un solo sogno: diventare come lui, un vero portiere di calcio. Il giorno in cui si gioca l'ultima partita di campionato Caterina forse avrà l'occasione di dimostrare le sue capacità.

Visioni Doc
SFIORANDO IL MURO (Italia/2012) di Silvia Giralucci e Luca Ricciardi (51')
La prima comunione e il blitz del 7 aprile, i giochi con le amiche e il rapimento di Aldo Moro. Sfiorando il muro è un film sugli anni Settanta dal punto di vista di una bambina di allora, il cui padre, Graziano Giralucci, venne ucciso con Giuseppe Mazzola nel 1974 dalle Brigate rosse all'interno della sede del Msi di Padova. Furono le prime vittime delle Br. Per capire come sia stato possibile considerare inevitabile la violenza politica, l'autrice cerca chi la violenza l'ha praticata, chi l'ha subita, chi l'ha combattuta. Questo viaggio diventa per Silvia Giralucci anche un modo di riconciliarsi con la difficile memoria del padre; un martire, simbolo per la sua comunità politica; una vittima a lungo considerata colpevole per il solo fatto di essere di destra; un papà presente solo nei sogni.

Tariffe:

Intero: 5.00 €
Ridotto: 4.00 € (Carta Più Feltrinelli, Amici e Sostenitori della Cineteca, Associazione Kinodromo, Tessera Arci e Studenti dell'Università di Bologna)

Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Tel. 051 2195311