In sala

Omaggio a Nagisa Oshima

dal 17 al 24 marzo
Programmazione
L’esordio alla regia di Nagisa Oshima, verso la fine degli anni Cinquanta, avviene all’interno
di un Giappone ancora piuttosto tradizionalista, uscito sconfitto dalla Seconda guerra mondiale, colpito dall’atomica. Oshima filma la giovane generazione nata a ridosso di questi
fatti. Mostra la loro sete di rivolta, il rifiuto della tradizione degli usi e costumi del paese,
della politica dominante. Una rivolta anche nei confronti del vecchio cinema giapponese. Questo è anche un po’ il ritratto di Oshima, che ricordiamo dopo la recente scomparsa:
un uomo che non si è mai piegato, mettendo sempre in discussione l’esistente. Con rara
intensità e partecipazione.
Bookmark and Share