Schermi e Lavagne

Proiezioni

Bookmark and Share

Cinema Lumière, piazzetta Pier Paolo Pasolini, 2/b (ingresso da via Azzo Gardino 65)

Sarà possibile inoltre organizzare proiezioni e incontri su richiesta delle singole scuole, in caso di partecipazione di almeno 80 studenti, sia dei film già in programma che di altri titoli, classici della storia del cinema o prime visioni in versione originale.

Per informazioni specifiche, richieste di proiezioni ad hoc e prenotazioni: schermielavagne@cineteca.bologna.it

Scuole primarie
Lunedì 13 maggio, ore 9.30
Scuole secondarie di primo e secondo grado
Venerdì 17 maggio, ore 9.30

DILILI A PARIGI
(Dilili à Paris,Francia/2018) di Michel Ocelot(95')

Nella Parigi della Belle Époque, con l’aiuto di un giovane fattorino, la piccola canaca Dilili indaga su una serie di rapimenti misteriosi in cui sono coinvolte alcune bambine. Nel corso delle indagini incontreranno personaggi straordinari che li aiuteranno fornendo loro gli indizi necessari per scoprire il covo segreto dei Maestri del Male, i responsabili dei rapimenti.
Costo: 4 euro a studente.


ARCHIVIO PROIEZIONI 2018-2019
SCUOLE PRIMARIE

Venerdì 19 ottobre 2018, ore 9.30
DIVENTARE GRANDI
Tito e gli alieni
(Italia/2017) di Paola Randi (92’)

Nei pressi dell’Area 51 vive uno scienziato napoletano che dovrebbe lavorare ad un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti e invece passa le giornate ad ascoltare il suono dell’universo, ma la sua vita sta per cambiare: suo fratello sta morendo e gli affida i suoi figli, Tito e Anita, che andranno a vivere da lui in America. Un film che cerca di rispondere alle domande più grandi con coraggio, creatività, umorismo e leggerezza. È previsto un incontro con la regista Paola Randi.


Martedì 4 dicembre 2018, ore 9.30
LA STORIA E LE STORIE DEL CINEMA
Luci della città
(City Lights, USA/1931) di Charlie Chaplin (87’)

Da due anni a Hollywood impazza il film parlato, quando Chaplin decide di girare ancora un film muto, uno dei più belli e acclamati dal pubblico e dalla critica. Un’emozionante storia d’amore: Lui è ancora il Vagabondo, lei una fioraia cieca che lo crede un milionario, lo sfondo è la metropoli e i suoi conflitti di classe. Un mondo che il Vagabondo tiene in pugno con la sapienza del burlesque. “Luci della città racconta l’amore meglio di qualunque altro trattato, libro o film sull’argomento” (Woody Allen)



Lunedì 28 gennaio 2019, ore 9.30
Giorno DELLA MEMORIA
Un sacchetto di biglie
(Un sac de billes, Francia/2017) di Christian Duguay (110’)

In occasione del Giorno della Memoria, Schermi e Lavagne, dedica un film anche ai più piccoli per commemorare le vittime dell’Olocausto. La storia di due fratelli ebrei in fuga per sopravvivere nella Francia occupata dai nazisti, dall’omonimo romanzo autobiografico di Joseph Joffo, già portato sullo schermo da Jacques Doillon nel 1975. “La storia è così forte, ma soprattutto così sfortunatamente universale, che è impossibile non vederci l’attualità, la sofferenza, e sì, a volte i momenti di felicità delle popolazioni che si spostano oggi nel mondo” (Christian Duguay).


Martedì 19 febbraio 2019, ore 9.30
ARRIVA LA STREGA ROSSELLA (1ª e 2ª elementare)
La Strega Rossella
(Room on the broom, UK/2012) di Max Lang e Jan Lachauer (27’)

Dai creatori de Il Gruffalò e Gruffalò e la sua Piccolina una magica storia che vede protagonista la gentile Strega Rossella a bordo della sua accogliente scopa volante “che quando lei vuole decolla all’istante!”. Il film tratto dall’amatissimo libro scritto nel 2001 da Julia Donaldson e illustrato da Axel Scheffler, coniuga la briosità del racconto con la ricchezza visiva e la plasticità conferite dall’animazione 3D.

Bastoncino
(Stick Man, UK/2015) di Jeroen Jaspaert e Daniel Snaddon (26’)
Dai libri di Julia Donaldson e Axel Scheffler arriva anche la storia di Stick Man. Le incredibili avventure del signor Bastoncino iniziano quando un cane lo scambia per un normale bastone di legno. Da quel momento diventerà un arco, la spada di un cavaliere, l’asta di una bandiera, una mazza da baseball, una matita per disegnare nella sabbia.


Martedì 12 marzo 2019, ore 9.30
LA STORIA E LE STORIE DEL CINEMA
Ladri di biciclette
(Italia/1948) di Vittorio De Sica (92’)

“Perché pescare avventure straordinarie quando ciò che passa sotto i nostri occhi e che succede ai più sprovveduti di noi è così pieno di una reale angoscia?”(Vittorio De Sica). Da divo brillante della commedia anni Trenta, De Sica si trasforma in maestro del cinema, tra i massimi protagonisti del neorealismo italiano. Ladri di biciclette è uno dei capolavori realizzati in coppia con Zavattini. Il quadro di miseria dell’Italia del dopoguerra è condensato magistralmente nella storia di un attacchino cui viene rubata la bicicletta, unico mezzo di sostentamento per sé e la famiglia. Dopo il restauro della Cineteca di Bologna torna sul grande schermo la pellicola premio Oscar come miglior film straniero.


Martedì 9 aprile 2019, ore 9.30
DESTINAZIONE LUNA
Selezione di cortometraggi

Il 2019 è l’anno delle celebrazioni per i cinquant’anni dal primo passo dell’uomo sulla Luna. Da sempre fonte di ispirazione per scrittori, artisti, registi, la Luna continua ad ammaliare e affascinare gli spettatori di ogni età e ad essere protagonista di incredibili storie. Da Melies a Scorsese, innumerevoli sono stati gli sguardi a lei rivolti e altrettanti i modi di raccontarla, interpretarla, immaginarla.Schermi e Lavagne, in collaborazione con INAF-OAS, Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello Spazio di Bologna dedica alla Luna uno speciale matinée.


SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO


Venerdì 19 ottobre 2018
DIVENTARE GRANDI
(scuole secondarie di primo grado)
Tito e gli alieni
(Italia/2017) di Paola Randi (92’)

Nei pressi dell’Area 51 vive uno scienziato napoletano che dovrebbe lavorare ad un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti e invece passa le giornate ad ascoltare il suono dell’universo, ma la sua vita sta per cambiare: suo fratello sta morendo e gli affida i suoi figli, Tito e Anita, che andranno a vivere da lui in America. Un film che cerca di rispondere alle domande più grandi concoraggio, creatività, umorismo e leggerezza. È previsto un incontro con la regista Paola Randi.


Martedì 27 novembre 2018, ore 9.30
CINEMA E IMPEGNO CIVILE
Paura non abbiamo
(Italia/2016) di Andrea Bacci (70’)

Negli Negli anni Cinquanta Bologna è la roccaforte comunista in Italia e come tale rappresenta una minaccia all’ordine costituito della Guerra Fredda. Con una serie di interviste e materiale fotografico d’archivio il film mostra la tensione, la repressione e le lotte di quegli anni a partire dalla storia di Anna e Angela, condannate a un mese di reclusione per aver distribuito mimosa in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

Martedì 11 dicembre 2018, ore 9.30
DESTINAZIONE LUNA
Il primo uomo
(First Man, Usa/2018) di Damien Chazelle (138’)

Schermi e Lavagne dedica, insieme all’INAF—OAS Osservatorio di Astrofisica e Scienza dello Spazio di Bologna incontri e proiezioni all’anniversario dell’allunaggio, per unire all’importanza storica e scientifica di questo evento lo sguardo affascinato che il cinema, fin dalle sue origini, ha rivolto al nostro satellite. A 50 anni dal primo uomo sulla luna, Damien Chazelle (Lalaland, Whiplash), racconta la storia di Neil Armstrong nel film che ha aperto il Festival di Venezia 2018. La trasposizione del libro omonimo si concentra sugli anni tra il 1961 e il 1969 e racconta i sacrifici e il costo, che ha avuto per Armstrong e per l’intera nazione, una delle missioni più pericolose della storia.

Venerdì 14 dicembre 2018, ore 9.30
DIVENTARE GRANDI
L’Isola dei Cani
(Isle of Dogs, USA/2018) di Wes Anderson (101’)

Orso d’argento per la miglior regia all’ultima Berlinale, è l’attesissimo ritorno
di Wes Anderson all’animazione in stop motion dopo Fantastic Mr. Fox. Il regno animale è ancora protagonista ma sullo sfondo di uno scenario urbano futuristico. Siamo nel Giappone del 2037 dove, a causa di una contagiosa influenza canina, il governo ha esiliato tutti i cani di Megasaki City in una vasta discarica chiamata Trash Island. Il dodicenne Atari (sulle orme dei ragazzini di Moonrise Kingdom) parte all’avventura per ritrovare il suo amato Spots. Atterrato sull’isola, con l’aiuto di un branco di nuovi amici, inizia un viaggio epico che deciderà il futuro dell’intera città.


Lunedì 28 gennaio 2019, ore 9.30
GIORNO DELLA MEMORIA
(scuole secondarie di primo grado)
Un sacchetto di biglie
(Un sac de billes, Francia/2017) di Christian Duguay (110’)

In occasione del Giorno della Memoria, Schermi e Lavagne, dedica un film ai più piccoli per commemorare le vittime dell’olocausto. La storia di due fratelli ebrei in fuga per sopravvivere nella Francia occupata dai nazisti, dall’omonimo romanzo autobiografico di Joseph Joffo, già portato sullo schermo da Jacques Doillon nel 1975. “La storia è così forte, ma soprattutto così sfortunatamente universale, che è impossibile non vederci l’attualità, la sofferenza, e sì, a volte i momenti di felicità delle popolazioni che si spostano oggi nel mondo” (Christian Duguay).


Mercoledì 30 gennaio 2019, ore 9.30
GIORNO DELLA MEMORIA
(scuole secondarie di secondo grado)
1945
(Ungheria/2017) di Ferenc Török (91’)

In occasione del Giorno della Memoria, Schermi e Lavagne in collaborazione con il Museo Ebraico di Bologna, dedica una proiezione per commemorare le vittime dell’olocausto. Il film è tratto dal racconto Homecoming dello scrittore ungherese Gábor T.Szántó. Un bellissimo bianco e nero porta indietro nel tempo e mostra l’equilibrio precario che ha lasciato la guerra appena conclusa in un villaggio ungherese dove l’arrivo di due ebrei fa riemergere i ricordi, i rimorsi e le paure proprio quando si cerca di dimenticare il recente passato.


Venerdì 8 febbraio 2019, ore 9.30
LA STORIA E LE STORIE DEL CINEMA
Gli uccelli
(The Birds, USA/1963) di Alfred Hitchcock (119’)

Tratto dall’omonimo racconto di Daphne Du Maurier, la trasposizione mantiene solo l’idea dell’attacco degli uccelli agli uomini e la sensazione di impotenza, d’angoscia e di trappola causata dall’inspiegabile evento. Gli incredibili effetti speciali, per i quali ottenne una candidatura agli Oscar, aiutano a tenere lo spettatore in tensione nell’ennesima prova registica del maestro inglese.


Giovedì 28 marzo 2019, ore 9.30
LA STORIA E LE STORIE DEL CINEMA
Ladri di biciclette
(Italia/1948) di Vittorio De Sica (92’)

”Perché pescare avventure straordinarie quando ciò che passa sotto i nostri occhi e che succede ai più sprovveduti di noi è così pieno di una reale angoscia?” (Vittorio De Sica). Da divo brillante della commedia anni Trenta, De Sica si trasforma in maestro del cinema, tra i massimi protagonisti del neorealismo italiano. Ladri di biciclette è uno dei capolavori realizzati in coppia con Zavattini. Il quadro di miseria dell’Italia del dopoguerra è condensato magistralmente nella storia di un attacchino cui viene rubata la bicicletta, unico mezzo di sostentamento per sé e la famiglia. Dopo il restauro della Cineteca di Bologna torna sul grande schermo la pellicola premio Oscar come miglior film straniero.


Giovedì 11 aprile 2019, ore 9.30
VOLTI, STORIE E PAESAGGI DI OGGI
(scuole secondarie di secondo grado)
Lazzaro felice
(Italia/2018) di Alice Rohrwacher (130’)

Premiato per la miglior sceneggiatura a Cannes 2018, Lazzaro felice è il terzo lungometraggio di Alice Rohrwacher. Lazzaro è un contadino ventenne, ‘puro’ e tanto buono da essere ingenuo, felice nonostante la sua condizione di sfruttato; Tancredi è il figlio della padrona. Prima ancora della loro storia il film vuole raccontare un mondo, quello contadino, prima che questo modo collettivo di vivere la terra, diviso tra padroni e mezzadri, lontani dal mondo e dai media, scompaia definitivamente.


Martedì 30 aprile 2019, ore 9.30
La strada dei Samouni
(Samouni Road, Italia, Francia/2018) di Stefano Savona (128’)

Come si ricostruisce la vita dopo la guerra? Si riedifica, si piantano gli alberi,si lavorano i campi distrutti... ma come si può ricostruire la memoria? Come si rimarginano le ferite? Il film di Savona, vincitore dell’Oeil d’Or, ci racconta la storia di una piccola comunità di contadini, nella periferia rurale di Gaza City.
Alle immagini documentarie si aggiungono le animazioni di Simone Massi e immagini in computer grafica per seguire il filo di ricordi della piccola Amal che ritornata al suo quartiere deve costruire il futuro sulle macerie.



Documenti

DILILÌ A PARIGI_PRESSBOOK

Tipo di File: PDF Dimensione: 134.77 Kb

DILILÌ A PARIGI_DOSSIER PEDAGOGICO

Tipo di File: PDF Dimensione: 5.03 Mb