In sala

Settembre 2020

L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
Bookmark and Share

LA TRAVERSÉE DE PARIS

(La traversata di Parigi, Francia-Italia/1956) Claude Autant-Lara (80’) V. francese

Introduce Nicolas Seydoux (Gaumont)

Prenota qui

(In caso di pioggia, la proiezione si sposterà al Cinema Jolly)

 

Con i film della serie ‘desueta' (Le Mariage de Chiffon, L'amore ha sbagliato indirizzo, Evasione), è il capolavoro di Autant-Lara. Sembra che Autant-Lara abbia bisogno di una certa distanza temporale da ciò che racconta per esprimere al meglio la propria verve aspra e stridula. Il fatto è che la sua è essenzialmente un’arte di preparazione, di composizione, di ricostruzione, di pittori e decoratori, dove l’effetto prodotto è massimamente efficace quando risulta da un insieme molto ponderato di requisiti accuratamente soddisfatti, di talenti sapientemente bilanciati. Qui ci sono tutte le premesse per un grande risultato: il mirabile racconto di Marcel Aymé; l’adattamento denso e nuovo di Aurenche e Bost che sostituisce a un finale tragico (Martin che uccide Grandgil) una conclusione e un epilogo disincantati; un’atmosfera d’epoca ricostruita con precisione e rafforzata dal dinamismo interno che dona all’azione un rispetto non artificioso delle unità di tempo e d’azione; personaggi dal carattere originale; interpreti perfetti; e l’audacia della loro scelta sottolinea la singolarità e l’autenticità dei loro personaggi. Bourvil, imposto con straordinario acume da Autant-Lara, trova qui – dopo una prima interessante esperienza in Seul dans Paris – il suo primo grande ruolo serio con questo personaggio di contrabbandiere vile e influenzabile, più patetico che simpatico. Analogamente, Gabin, in un ruolo ambiguo, inatteso e pieno di sfaccettature, sorprende ancora una volta il pubblico, che assiste appagato alla sua metamorfosi. Marcel Aymé si oppose così violentemente alla scelta di Bourvil che finì per preoccupare la produzione. Autant- Lara, costretto a mercanteggiare, per tenere Bourvil rinunciò all’impiego del colore. Poco prima dell’uscita del film Marcel Aymé scrisse al regista dichiarandosi pronto a confessare apertamente il proprio errore riguardo a Bourvil. Aggiunse: “È la prima volta in assoluto che da un mio libro viene tratto un film non solo buono, ma addirittura di grandissima qualità. E in questo caso non era facile”.
Jacques Lourcelles

Proiezioni:
Lunedì 24 agosto 2020
BarcArena
21.15
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
via Raffaello Sanzio, 8 (Bologna)

Documenti

Cartolina LA TRAVERSATA DI PARIGI

Tipo di File: PDF Dimensione: 826.60 Kb