In sala

Agosto 2020

L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
Bookmark and Share
Lunedì 28 giugno 2010 16.15
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni

Napoli/Italia: il pittoresco

Vedutismo, viaggio pittoresco e Grand Tour
NEAPOLITAN DANCE AT THE ANCIENT FORUM OF POMPEII
(GB, 1898) R.: William Kennedy-Laurie Dickson, Emile Laust 
NAPLES: PORT ET VÉSUVE
(Francia/1897)
NAPLES: VIA ROMA
(Francia/1897)
EXCURSION EN ITALIE: DE NAPLES AU VÉSUVE
(Francia/ 1904)

Napoli e dintorni
AMALFI
(Italia/1910)
EXCURSION À LA GROTTE D'AZUR
(Francia/ 1910)
SORRENTO
(Italia/1912) [R.: Carmine Gallone]
TARANTELLEN AF NAPOLI
(Danimarca/1903) R.: Peter Elfelt

Cibo e lavoro
LEVÉE DE FILET DE PÊCHE
(Francia/1898) Prod.: Lumière
NAPOLI
(Italia/1909) Prod.: Vesuvio
LA FESTA DEI GIGLI A NOLA
Italia, 1909 (Italia/1909) Prod.: Cines
EATING MACARONI IN THE STREETS OF NAPLES
(USA/1903) R.: A. C. Abadie.

Presenta Luigi Virgolin
Accompagnamento al piano di Antonio Coppola

Quando gli operatori Lumière discendono la penisola per immortalare nelle loro vues Napoli e il Meridione, compiono l'ultimo Grand Tour vedutista del XIX secolo, si accingono cioè a fissare una rappresentazione della città potenzialmente mobile e in trasformazione, ma che nella realtà dei fatti è il calco di un patrimonio iconografico codificato e storicizzato che affonda le radici nella pittura e in particolare nel genere del vedutismo. L'esigenza di riprodurre l'esperienza emozionale ed estetica del Grand Tour, viaggio di iniziazione delle élite europee in Italia e itinerario obbligato per letterati ed artisti, è alle origini della nascita stessa del vedutismo, che nel Seicento si dà un soggetto autonomo e diventa un genere. La tradizione paesaggistica si divide così tra la pittura di paesaggio classica di ispirazione storico-mitologica e la veduta, che privilegia i conglomerati urbani e il panorama topograficamente accurato. Il pittoresco, ulteriore evoluzione del genere e debitore di entrambe queste forme di rappresentazione, cristallizza un immaginario visivo e culturale partenopeo che nutre tanta fotografia dell'Ottocento fino ad influenzare il cinema delle origini.
Napoli e i suoi abitanti rappresentano l'esemplare della natura primitiva e selvaggia, inaccessibile a qualunque progresso della civiltà e incarnata dalla forza distruttrice del Vesuvio. Destano un enorme interesse i siti archeologici di Ercolano e Pompei, testimonianze dell'antica grandezza della classicità. La popolazione di Napoli è vivisezionata per tipi umani in un'operazione a metà tra lo studio etnografico e la tassonomia lombrosiana. Sono questi alcuni degli stereotipi che concorrono a costruire e a definire l'identità napoletana. Non si tratta tuttavia soltanto del secolare travaso di topoi da una forma d'arte a un'altra, dalla pittura alla fotografia in studio e 'dal vero', al cinematografo. Lo scarto qualitativo è il passaggio dalla dimensione del naturale a quella del culturale: con la pratica pittoresca l'estetica invade il campo della natura che non è più tale ma diventa paesaggio, ossia natura osservata col filtro della cultura.
A ricordarci la potenza simbolica che può suscitare una processione religiosa millenaria è un frammento dell'inedito Festa dei gigli a Nola, sorprendente ritrovamento della collezione Fausto Correra. E le impressioni di stupore e sbigottimento provate nel 1850 dallo storico Ferdinand Gregorovius all'apparire dei Gigli: "Ero appena entrato a Nola quando mi venne incontro, da una strada laterale, una strana cosa la cui apparizione mi fece dubitare di trovarmi in India piuttosto che in Campania".

Proiezioni:
Lunedì 28 giugno 2010
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
16.15
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato
Il progetto Napoli/Italia e il cinema dell'emigrazione
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale

Tariffe:

Biglietto per fasce orarie (valido tutta la mattina o tutto il pomeriggio):
Intero: Euro 6
Ridotto: Euro 4 (soci FICC, studenti universitari e anziani
Ridotto Amici della Cineteca: Euro 3,00
Info e abbonamenti

Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 051 2195311