In sala

Novembre 2019

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
Bookmark and Share

YOUTH RUNS WILD

(USA/1944) R.: Mark Robson. D.: 67'

Presenta Kent Jones
Proiezione in HD

James Agee scrisse di Youth Runs Wild: "I soliti difetti di Hollywood non sono nemmeno colpa sua: è goffo, prolisso, con atteggiamenti sociali da boy scout (pur prendendo comunque una posizione); il più delle volte i suoi personaggi tendono alla legnosità (ma senza mai diventare sculture di sapone); troppo spesso la fotografia si fa vellutata (ma sempre cercando onestamente di ottenere un'atmosfera autentica, non falsa, e senza mai mirare alla sontuosità). Nei momenti buoni del film - e la sua complessiva inadeguatezza è costantemente illuminata da buoni momenti - si vede praticamente l'unico caso hollywoodiano di scrittura, recitazione e fotografia tutto concentrato su ciò che accade a persone reali e specifiche che si muovono tra oggetti reali e specifici e non sul modo in cui un volto generico può suggerire un'emozione generica sotto una luce generica".
L'entusiasmo di Agee per Youth Runs Wild è apprezzabile. Nel mezzo delle fantasie belliche hollywoodiane sull'eroismo e l'amore, Lewton decise di fare un piccolo film serio sugli effetti della guerra e su come stessero alterando e perfino distruggendo l'ordine sociale degli Stati Uniti. Il suo metodo era semplicissimo: una serie di storie sulla gioventù in tempo di guerra, collegate tra loro e girate con uno stile piatto, neorealistico. L'onestà di un simile tentativo meritava certo elogi ed incoraggiamento. Tuttavia, a parte la sua visione alquanto singolare della vita in tempo di guerra nella provincia americana, Youth Runs Wild è oggi appena guardabile. Lo stesso Lewton disprezzava il film, che fu pesantemente tagliato e rigirato dallo studio di produzione, e chiese (invano) che il suo nome fosse tolto dai titoli. Una delle storie principali - un adolescente maltrattato costretto a uccidere il padre sadico - venne completamente eliminata e fu tagliata la maggior parte dei tocchi più attenti e caratteristici del film. Quel che resta - una serie di situazioni e dialoghi stereotipati palesemente girati in esterni finti - non può essere raccomandato.

(Joel E. Siegel, Val Lewton. The Reality of Terror, Secker and Warburg-British Film Institute, London 1972)

Proiezioni:
Giovedì 1 luglio 2010
Cinema Arlecchino
16.15
Venerdì 2 luglio 2010
Cinema Arlecchino
11.00
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato
Ritrovati & Restaurati
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli

Tariffe:

Biglietto per fasce orarie (valido tutta la mattina o tutto il pomeriggio):
Intero: Euro 6
Ridotto: Euro 4 (soci FICC, studenti universitari e anziani
Ridotto Amici della Cineteca: Euro 3,00
Cinquanta posti gratuiti e riservati ai possessori della tessera Amici della Cineteca, telefonando al 051 2194826 o scrivendo a cinetecadirezione@comune.bologna.it
Info e abbonamenti

 

Dettagli sul luogo:
via delle Lame, 57
Numero posti: 450
Aria condizionata
Accesso disabili
Tel. 051 522285