In sala

Ottobre 2019

L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Bookmark and Share
Domenica 27 giugno 2010 17.45
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni

A sangue freddo: Josette Andriot

Presenta Mariann Lewinsky
Accompagnamento al piano di Gabriel Thibaudeau

LA FIANCÉE RECALCITRANTE (Francia/1909) Int.: Mistinguett. D.: 9'. Did. inglesi
Mistinguett non piace il fidanzato che ha scelto per lei il padre, fugge mimetizzandosi con l'uniforme del ragazzo d'albergo e finisce per incontrare un uomo che le piace.

[JEANNE LECURE] (Italia/1910) D.: 8'
Gara di magnanimità. Una giovane donna coraggiosa si traveste da soldato, viene catturata e infine liberata poco prima che avvenga l'esecuzione dell'ufficiale nemico che lei, in precedenza, aveva galantemente lasciato evadere.

LA PLUS BELLE CONQUÊTE DE LA FEMME C'EST LA CITROËN
(Francia/1920) R.: Robert Lortac. D.: 1'. Did. francesi

PROTÉA
(Francia/1913) R.: Victorin Jasset. Int: Josette Andriot, Lucien Bataille. D.: 50'. Did. francesi
Josette Andriot non aveva certo il profilo delle "prime attrici" d'anteguerra. Scritturata nel 1910 da Jasset per le sue qualità di cavallerizza, si rivelò di volta in volta campionessa di nuoto e acrobata, prima di dar prova di disponibilità illimitata nel ruolo di Protéa. Si trattava di un personaggio che rivoluzionava la tradizione dell'avventura, la cui espressione passava di solito attraverso un eroe di sesso maschile. Dovuta incontestabilmente a Jasset, l'innovazione doveva essere perfezionata in seguito da Feuillade. Il film d'azione ne uscì rinvigorito. Gli americani appresero la lezione: nei serial che lanciano dal 1915 alla conquista della Francia, affidano regolarmente il ruolo principale a una donna: Pearl White, Ruth Roland, Helen Holmes, Juanita Hansen....
La prima avventuriera del cinema muto, nel 1913, è dunque Protéa. Tre anni prima della comparsa di Mata Hari e Martha Richard, è la prima eroina di un nuovo genere, che non si chiama ancora „film di spionaggio", ma film patriottico". È una Mata Hari che oltre a saper ballare ha imparato a domare le belve feroci e a lanciarsi nel vuoto al volante di un'auto, una Martha Richard che oltre a saper pilotare un aereo ha imparato a saltare da un ponte in fiamme a bordo di una bicicletta. Prodotto e distribuito dalla casa Eclair nel settembre 1913, Protéa rappresenta l'apoteosi di un'attrice fin qui usata da Jasser in ruoli sì notevoli ma troppo furtivi per poterle conferire quello statuto divistico che avrebbe poi ben dimostrato di meritare. Il successo di questo primo film della serie si deve tanto al genio di Jasset quanto alla personalità della giovane attrice.
(Francis Lacassin, in La Persistance des images, 1998, p 36)

Proiezioni:
Domenica 27 giugno 2010
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
17.45
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato
Senza paura, senza paragone: le donne avventurose nel cinema muto
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale

Tariffe:

Biglietto per fasce orarie (valido tutta la mattina o tutto il pomeriggio):
Intero: Euro 6
Ridotto: Euro 4 (soci FICC, studenti universitari e anziani
Ridotto Amici della Cineteca: Euro 3,00
Info e abbonamenti

Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 051 2195311