In sala

Agosto 2020

L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
Bookmark and Share

LE GRAND AMOUR

(No no no con tua madre non ci sto, Francia/1969) R.: Pierre Etaix. D.: 87'

Presenta Pierre Etaix

Il cinema comico è nato in Francia con il cinema e con Méliès. Qui rinasce con Pierre Etaix. La lunga ascesa, paziente e ragionata, di questo cineasta, è un fenomeno particolare. Senza smargiassate né buchi nell'acqua, senza pubblicità abusiva, senza scandalo né pettegolezzi, Pierre Etaix ha conquistato il suo pubblico. Non ha segreti, se non il talento dovuto ad una sensibilità esacerbata, una visione acuta del mondo e delle persone... e l'amore per il genere umano. Se Le Soupirant era un omaggio al cinema muto, Yo Yo un'analisi sull'ambizione e Tant qu'on a la santé una critica vigorosa del falso progresso (la società cosiddetta dei consumi), Le Grand amour ritorna alla misura umana, quella della poesia, del sogno e della lotta dell'uomo contro il conformismo.
Siamo lontani, qui, dalla commedia all'americana, che è apprezzabile e apporta molto all'arte del cinema. Le Grand amour ha il merito della semplicità, quella dei ricchi di spirito. Tutto si svolge su questa fragile frontiera che separa il sogno dalla realtà, l'evasione dal condizionamento. (...) Pierre Etaix e Jean-Claude Carrière hanno tracciato un quadro, tenero e feroce insieme, della vita familiare, senza processi né requisitorie, e soprattutto, il che è assolutamente rimarchevole, senza nessun prestito da opere preesistenti. Se è lecito inventare il termine di "nouvelle vague comica" è proprio a Grand amour che questa definizione calza a pennello. Si chiacchiera un po' di più in questo film rispetto ai precedenti di Pierre Etaix. Si chiacchiera, non solo nel dialogo, ma anche nelle immagini, e le gag non sono una lotta fra l'uomo e l'oggetto (Chaplin, Keaton, gli eroi di Mack Sennett) ma fra i personaggi e la loro immaginazione.
Meglio, si sollecita lo spettatore ad entrare nel gioco, a lasciarsi andare, ad aggiungervi anche la propria immaginazione, insomma a ritrovare se stesso sullo schermo. (...) Le Grand amour, d'altronde, trabocca d'invenzioni, di immagini nuove, come quella strada di campagna dove le automobili sono sostituite da dei letti, dove gli occupanti sognano o hanno incubi e anche entrano in collisione, come le fasi successive del matrimonio, etc. Pierre Etaix, invece di utilizzare degli attori sperimentati (a parte se stesso, Annie Fratellini e la giovane attrice della Comédie Française Nicole Calfan) si è dilettato a far recitare tutti i ruoli secondari a degli artisti del circo "che conoscono meglio i gesti della vita": Rolph Zavatta, Louis Maïs, Loriot, che hanno il vantaggio di comprendere subito ciò che ci si attende da loro. Un grande film? Un film unico nel suo genere, una scoperta, un brano di tenerezza e di calore.
(Samuel Lachize, Heureux les riches d'esprit..., "l'Humanité", 19 marzo 1969)

Proiezioni:
Lunedì 28 giugno 2010
Cinema Arlecchino
17.45
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato
Ritrovati & Restaurati
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli

Tariffe:

Ingresso libero

Dettagli sul luogo:
via delle Lame, 57
Numero posti: 450
Aria condizionata
Accesso disabili
Tel. 051 522285