Bookmark and Share

LE VOYAJE DANS LA LUNE / NOSFERATU IL VAMPIRO

LE VOYAGE DANS LA LUNE

(Viaggio nella luna, Francia/1902) Regia: Georges Méliès. Soggetto: Jules Verne, Georges Méliès, H.G. Wells (non accred.); Fotografia: Michaut, Lucien Tainguy; Montaggio: Georges Méliès; Scenografia: Claudel (non accred.); Costumi: Jeanne d'Alcy; Interpreti: Victor André, Bleuette Bernon (Phoebe), Brunnet (astronomo), François Lallement (l'ufficiale), Jeanne d'Alcy (non accred.), Henri Delannoy (il capitano del missile), Depierre, Farjaut (astronomo), Kelm (astronomo), Georges Méliès (il professor Barbenfouillis); Produzione: Star Film; Durata: 13'. Colore: pochoir.

Restauro promosso nel 2011 da Lobster Films (Serge Bromberg & Eric Lange), Fondation Technicolor pour le Patrimoine du Cinéma (Séverine Wemaere), Fondation Groupama Gan pour le Cinéma (Gilles Duval). Per questo restauro sono state usate una copia nitrato originale in bianco e nero appartenente a Madeleine Malthête-Méliès e una copia positiva appartenente al CNC. La digitalizzazione di questi elementi è stata realizzata al CNC-AFF. Alcuni frammenti erano stati già preservati su internegativo da Haghefilm. Il restauro digitale del 2011 è stato eseguito da Technicolor a Los Angeles.

Il film verrà mostrato due volte, accompagnato dalla musica registrata degli AIR e successivamente dall'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, che eseguirà un adattamento di Timothy Brock dell'omonima operetta di Jacques Offenbach 

Le riprese
Nel maggio del 1902 Georges Méliès comincia a girare il Voyage nel laboratorio A. Di quell'avventura ci restano soprattutto i nomi degli interpreti. A tale proposito Méliès scrisse: "La Luna era Bleuette Bernon, cantante di music-hall, le stelle erano ragazze del corpo di ballo dello Châtelet, e gli uomini (i principali interpreti maschili) erano Victor André, del Théâtre de Cluny, Delpierre, Farjaux, Kelm, Brunnet, cantanti di music-hall e io stesso. I Seleniti erano acrobati delle Folies-Bergères". Gli operatori si chiamavano Michault e Lucien Tainguy. Il film uscì in Francia il 1° settembre 1902.

Le origini del viaggio
Parlando delle motivazioni che l'hanno portato a realizzare il film, Georges Méliès scriverà nel 1933: "L'idea del viaggio sulla luna mi è venuta dal libro di Jules Verne Dalla terra alla luna e Intorno alla luna. In quell'opera gli umani non riuscivano ad atterrare sulla luna [...]. Ho dunque immaginato, utilizzando gli stessi mezzi di Jules Verne (cannone e navicella), di raggiungere la luna in modo da poter comporre un buon numero di immagini fiabesche originali e divertenti fuori e dentro la luna e di mostrare alcuni mostri, abitanti della luna, con l'aggiunta di uno o due effetti artistici (le donne che rappresentavano le stelle, le comete..., effetti di neve, fondale marino)". Tuttavia Georges Méliès fu certamente influenzato anche da altre opere, oltre al libro di Jules Verne, uscito nel 1865. A cominciare dal romanzo di H.G. Wells I primi uomini sulla luna, pubblicato in francese qualche mese prima dell'inizio delle riprese del film. Tra quelle due date vide la luce un'opera che probabilmente fu fonte di ispirazione per Georges Méliès: Le Voyage dans la lune, scritto da Albert Vanloo, E. Leterrier e Arnold Mortier e musicato da Jacques Offenbach. Si tratta di un'opéra-féerie in quattro atti e ventitré scene che fu rappresentata per la prima volta il 26 ottobre 1875 al Théâtre de la Gaîté e fu riallestita allo Châtelet a partire dal 31 marzo 1877. Altra possibile fonte d'ispirazione, individuata da Laurent Mannoni e Jacques Malthête nel catalogo della mostra Méliès, magie et cinéma, fu lo spettacolo A Trip to the Moon che fu creato nel 1901 per l'esposizione panamericana di Buffalo, nello Stato di New York. Concepito da due americani, Frederick Thompson e Skip Dundy, lo spettacolo conobbe un successo immenso.
(Laurent Mannoni e Jacques Malthête, Méliès)


Georges Méliès è il primo grande mago del cinema. Il suo senso gioioso del divertimento e la sua capacità di sorprenderci hanno influenzato enormemente i miei primi lavori d'animazione e anche i miei film successivi. Ma apparentemente ha esercitato anche un'influenza più sottile. L'ultima scena di Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo è stata pensata come un omaggio alla fine della vita di Georges Méliès, il quale, come il mio Dottor Parnassus, si era ridotto a vendere giocattoli nel suo negozietto all'uscita di una stazione ferroviaria di Parigi. Chissà perché non avevo mai saputo di quale stazione si trattasse e l'ho scoperto solo poco dopo aver finito di girare il mio film. Era la stazione di Montparnasse! Ancora oggi Méliès rappresenta per me una fonte d'ispirazione molto importante.
(Terry Gilliam)

 

NOSFERATU, EINE SYMPHONIE DES GRAUENS
(Nosferatu il vampiro, Germania/1921) Regia: Friedrich Wilhelm Murnau. Soggetto: dal romanzo Dracula (1897) di Bram Stoker; Sceneggiatura: Henrik Galeen e F.: Fritz Arno Wagner. Scenografia: Albin Grau. Interpreti: Max Schreck (Conte Orlok, Nosferatu), Greta Schröder (Nina), Gustav von Wangenheim (Jonathan Hutter), Georg Heinrich Schnell (Harding), Alexander Granach (Knock), Max Nemetz (il capitano della nave), Ruth Landshoff (Annie), John Gottowt (il professor Bulwer), Gustav Botz (Sievers, il dottore del manicomio), Wolfgang Heinz (Maat), Albert Venohr (marinaio), Hardy von François (dottore dell'ospedale), Guido Herzfeld (albergatore), Karl Etlinger, Heinrich White. Produzione: Prana-Film, GMBh Berlino. Durata: 93' a 18 f/s. Didascalie tedesche.
Restauro promosso da Friedrich-Wilhelm Murnau-Stiftung

Musiche dirette da Timothy Brock, eseguite dall'Orchestra del Teatro Comunale, adattamento e riorchestrazione dell'opera Der Vampyr (1826) di Heinrich Marschner, scelta da F.W. Murnau come concerto d'apertura della prima di Nosferatu il 4 settembre 1922 a Berlino.

Il restauro
Nosferatu
è stato restaurato nel 2005/06 da Luciano Berriatúa per conto della Friedrich-Wilhelm Murnau-Stiftung. Il restauro si è basato su una copia nitrato imbibita del 1922 con didascalie francesi conservata alla Cinémathèque Française. Le inquadrature mancanti sono state completate con una copia di sicurezza del 1939 conservata al Bundesarchiv-Filmarchiv, prodotta da una copia d'esportazione ceca degli anni Venti. Altre inquadrature sono state prese da una copia nitrato della versione degli anni Trenta, distribuita con il titolo Die Zwölfte Stunde, conservata alla Cinémathèque Française. La maggior parte degli inserti e delle didascalie originali è conservata in una copia safety del 1962 del Bundesarchiv-Filmarchiv, stampata da una copia del 1922. Le didascalie mancanti sono state ricreate sulla base dei caratteri tipografici originali da trickWilk. Sono contrassegnate con F.W.M.S. Il lavoro in laboratorio è stato realizzato da L'Immagine Ritrovata.

I riferimenti iconografici
Il clima romantico di Nosferatu che rende visibile le forze invisibili e oscure della natura grazie a immagini derivate da Friedrich è, in realtà, un'illustrazione fedele allo spirito del Dracula di Bram Stoker. Perché Murnau scelse di girare a Lubecca molte scene del film? Forse influì su Murnau la visione inquietante che Edvard Munch trasse dalle facciate di un vecchio negozio di questa città. Munch lavorò a Lubecca fra il 1902 e il 1903. Quello che è certo è che progettò il film in una dimensione pittorica. [...] Potrà sembrare un po' esagerato che Murnau abbia fatto ricorso a dei dipinti del suo amico Franz Marc come Weidende Pferde, del 1910, all'epoca conservato nella Lenbach Haus di Monaco, per girare una semplice inquadratura di cavalli in controluce spaventati dalle jene. Ma credo che Murnau abbia desunto un'altra immagine da Marc: le figure dei lupi che ululano nell'oscurità della notte come in Die Wölfe (Balkan Krieg), del 1913. In seguito Murnau sostituì i lupi con delle jene, ma utilizzò le immagini dei cavalli dipinti dal suo amico come risulta chiaramente paragonando l'insolita inquadratura del film con Landschaft mit Pferden, del 1909. Credo che abbia cambiato i lupi in jene per influenza di disegni di Alfred Kubin come la Hyäne, del 1920, che ci mostra la jena come una sorta di vampiro che divora i cadaveri umani nei cimiteri. Un'immagine più impressionante di quella di un lupo. [...] Ma l'influenza plastica più significativa che determinò il carattere del film di Murnau fu l'opera di Kaspar David Friedrich (1774-1840). Fu senza dubbio un'idea di Murnau quella di basarsi sull'opera di Friedrich per poter visualizzare la concezione di Grau e Galeen sulle forze occulte della Natura. [...] Grazie all'opera di questi pittori romantici, Murnau raggiunse un risultato insolito nel cinema. Rendere visibile l'invisibile. Imporre all'inconscio dello spettatore la presenza delle forze oscure della Natura.
(Luciano Berriatúa)

La partitura musicale
Come spesso accade per le musiche composte durante quella stagione del cinema muto, la partitura originale composta da Hans Erdmann per accompagnare Nosferatu, è purtroppo andata perduta. Ironicamente, le sopravvive un'opera di cento anni più antica, che lo stesso F.W. Murnau aveva scelto come preludio alla sua "Sinfonia degli Orrori". Dovendo supplire alla grave perdita della partitura originale composta da Erdmann nel 1922, e dovendo creare una nuova colonna sonora per Nosferatu, ho pensato di cogliere il suggerimento lasciatoci da Murnau e di adattare l'intera partitura per orchestra dell'opera di Marschner, tralasciando volutamente il libretto di Der Vampyr, distante dall'impianto narrativo di Nosferatu o del Dracula di Bram Stoker. Ho dunque trascritto integralmente l'opera per utilizzarla come materiale sinfonico 'grezzo', selezionando e trasformando le scene più efficaci per questo tipo di adattamento, incorporando la parte vocale e ripartendo da zero come per la composizione di una nuova partitura per film. Liberando la musica dai confini del palcoscenico per cui era stata originariamente composta, ho sviluppato e utilizzato liberamente i passaggi che meglio sintetizzano la rara bellezza di Der Vampyr. Ho trovato particolarmente utile il modello seguito da Schönberg nel suo adattamento dell'opera n.6 di Handel o del concerto per clavicembalo di Matthias Monn, ovvero la creazione di una nuova partitura che mantenga però inalterata la sonorità e le atmosfere dell'opera originale. Nonostante le differenze rispetto all'opera concepita da Marschner, ho dunque tentato di mantenere lo stesso impatto cupo e sinistro che l'autore si era ripromesso di ottenere, ispirato dalla sua grande passione per i vampiri. Persino Richard Wagner, dopo aver assistito alla prima di Der Vampyr nel 1828, scrisse che a suo avviso si trattava di una delle più grandi opere "demoniache" di tutti i tempi. L'orchestrazione originale è stata mantenuta fedelmente, con l'aggiunta di un organo e un clarinetto basso. L'organico si compone di due ottavini, due flauti, due clarinetti, clarinetto basso, due fagotti, controfagotto, quattro corni, due trombe, tre tromboni, timpani, percussioni, organo e archi.
(Timothy Brock)

Proiezioni:
Sabato 25 giugno 2011
Piazza Maggiore
22.00
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Ritrovati e Restaurati
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale

Tariffe:

Ingresso gratuito

Dettagli sul luogo:

Documenti

Cartolina della serata

Tipo di File: PDF Dimensione: 353.28 Kb