Bookmark and Share

THE ARTIST

(Francia/2011) di Michel Hazanavicius (100')

Scen., Dial.: Michel Hazanavicius; F.: Guillaume Schiffman; Mo.: Anne-Sophie Bion, Michel Hazanavicius; Scgf.: Laurence Bennett; Co.: Mark Bridges; Mu.: Ludovic Bource; Su.: Etienne Colin; Eff. Spec.: Chris Cline, David Waine; Int.: Jean Dujardin (George Valentin), Bérénice Bejo (Peppy Miller), John Goodman (Zimmer), James Cromwell (Clifton), Penelope Ann Miller (Doris), Missi Pyle (Constance), Beth Grant, Joel Murray, Malcolm McDowell; Prod.: Thomas Langmann, Emmanuel Montamat, Adrian Politowski, Gilles Waterkeyn per La Petite Reine; Pri. pro.: 17 maggio 2011
DCP. D.: 100 f. Bn. Didascalie inglesi / English intertitles
Da: Bim

È bella, un'immagine in movimento nel formato 4 : 3, su uno schermo smisurato. È così che si vedeva Chaplin o Abel Gance, al Grauman Chinese Theatre a Los Angeles o al Gaumont Palace di Place Clichy. È ancora più bello, quando l'immagine è in bianco e nero e le labbra degli attori si muovono senza lasciar passare un solo suono.
Domenica 15 maggio, di mattina, abbiamo ritrovato il piacere del cinema silenzioso con The Artist, di Michel Hazanavicius, proiettato per la stampa al Grand Théâtre Lumière di Cannes. E il piacere è durato al di là delle prime sequenze, ogni volta che un'ondata di risate attraversava il pubblico senza che nessuna battuta venisse pronunciata.
Michel Hazanavicius è un virtuoso del pastiche. La riuscita dei suoi due OSS 117 non deriva soltanto dall'assurdità delle battute, dalla derisione sbrigliata di Jean Dujardin. Si trattava anche di regia, di movimenti di gru che imitavano e trascendevano allo stesso tempo il cinema francese commerciale degli anni Sessanta, di una paletta cromatica di quei tempi ma infinitamente più ricca.
The Artist affronta una sfida assai più forte. Si tratta di rievocare un episodio fondatore del cinema moderno (che è accessoriamente il soggetto di uno dei film più celebri di questa storia - Cantando sotto la pioggia di Stanley Donen e Gene Kelly: l'irruzione del cinema sonoro. Sconvolge la vita di George Valentin (Jean Dujardin).
Seduttore dai baffi sottili come quelli di Douglas Fairbanks, dalla chioma impomatata come quella di Rodolfo Valentino, Valentin accumula i successi. Nel 1927 il suo percorso incrocia quello di Peppy Miller (Bérénice Bejo), graziosa comparsa che perde di vista prima di ritrovare il suo musetto [...] sulle copertine delle riviste di cinema. La starlette e il bellimbusto si incrociano, lei in ascesa, lui in declino, il 25 ottobre 1929, giorno delle 'prime' dei loro rispettivi film  e del crac che portò alla Grande Depressione. Questa prima parte di The Artist è condotta con una virtuosità trascinante. C'è del pastiche nello stile di Michel Hazanavicius, che sa ritrovare perfettamente le panoramiche e i travelling del muto. Ma quando è necessario, si serve di un vocabolario un po' più moderno. Gli attori procedono allo stesso modo. Dujardin gigioneggia peggio di Max Linder quando recita un attore al lavoro. Ma fra una ripresa e l'altra, si fa più sfumato, più realistico.
[...] Si riconosceranno alcune celebri figure hollywoodiane di passaggio, John Goodman come forzato della messa in scena, James Cromwell come fedele autista, che si muovono in una sorprendente ricostruzione della Los Angeles d'antan. La magia digitale permette di cumulare gli effetti magici di sfondi dipinti e il realismo immateriale dei pixel.
(Thomas Sotinel, Le virtuose Michel Hazanavicius pastiche le cinéma des années 1920, "Le Monde", 16 maggio 2011) 

 

Sog.: dall'omonima novella di Sergej Antonov; Scen.: S. Antonov; F.: Igor' Černyh; Scgf.: Aleksandr Mjagkov; Mu.: Kirill Molčanov; Su.: Grigorij Korenbljum; Int.: Natal'ja Ovodova (Alënka Muratova), Valentina Ušakova (sua madre), Irina Zarubina (Vasilisa Petrovna), Vasilij Šukšin (Stepan Revun), Maja Menglet (Lida, sua moglie), Nikolaj Bogoljubov (Gul'ko), Erast Garin (Vitaminyč), Nikolaj Krjučkov (Roman Semënovič), Evgenij Šutov (Tolja), Anda Zajce (El'za), V. Grigor'eva (Nastja), N. Nikitina (zia Tunja), N. Selezneva (Elizaveta), P. Sal'menov, P. Ževago, I. Serebrennikova, S. Eljubaev, B. Romanov, Ljusja Bol'berg, L. Lobov, A. Gračev, Sanžar Čumbalov; Prod.: Mosfil'm; Pri. Pro.: 22.03.1962
35mm. D.: 87'. Col. Versione russa con sottotitoli inglesi / Russian version with English subtitles
Da: Österreichisches Filmmuseum

Nel quadro del processo di recupero delle terre vergini, nell'immensità della steppa dove vanno insediandosi nuove comunità intorno ai nascenti sovchoz, un camion, unico mezzo di trasporto per raggiungere i grandi centri urbani, costituisce lo spazio centrale della messinscena : diretto da un piccolo paese a una cittadina distante seicento chilometri, esso è il luogo che accoglie le storie narrate dai suoi passeggeri. Al centro di una dimensione che si fa sempre più corale, spicca la presenza di Alënka, bimba allegra e riservata, pronta a tutto pur di mangiare il suo gelato preferito, l'eskimò. Ella racconta la sua storia, ascolta, si emoziona, partecipa attenta al mondo degli adulti con la medesima spontaneità e serietà che la unisce al gioco dei coetanei. E alla fine del viaggio si sente più grande. Una consapevolezza che si trasforma subito in un gesto d'amore e di poesia: nelle ultime sequenze, Alënka ritrova il bambino conosciuto fugacemente durante il viaggio. È a lui, dopo essersi delicatamente aggiustata sul capo il nuovo fazzolettino, che offre il secondo eskimò acquistato con i rubli risparmiati. Il lungo primo piano dedicato da Barnet ai due bambini è più vicino di quanto si possa pensare allo spirito che pervade il neonato cinema del «disgelo». Tra le interpretazioni offerte da uno straordinario gruppo di attori, troviamo quella di Šukšin, in procinto di esordire anche come regista.

Proiezioni:
Martedì 28 giugno 2011
Cinema Jolly
09.15
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Anteprime
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
Via Marconi, 14
Numero posti: 362
Aria condizionata
Info: 051224605