In sala

Maggio 2020

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Bookmark and Share

L’ONOREVOLE ANGELINA

(Italia/1947) di Luigi Zampa (90')

Introduce Alberto Pezzotta

Sog.: Piero Tellini, Susi D'Amico [Suso Cecchi D'Amico], Luigi Zampa; Scen:  Piero Tellini, Susi D'Amico [Suso Cecchi D'Amico], Luigi Zampa, Anna  Magnani; F.: (1,33:1) Mario Craveri; Mo.: Eraldo Da Roma; Scgf.: Piero Filippone, Luigi Gervasi (Ass.); Mu.: Enzo Masetti; Ar.: Antonio Altoviti, Emilio Eletto; Int.: Anna Magnani (Angela Bianchi detta Angelina), Nando Bruno (Pasquale Bianchi), Ave Ninchi (Carmela), Maria Grazia Francia (Annetta, la figlia di Angelina), Franco Zeffirelli (Filippo Garrone), Ernesto Almirante (Luigi), Armando Migliari (Callisto Garrone), Marco Tulli (Marco, il cameriere); Prod.: Lux Film, Ora Film; v.c. n. 3138 del 20.09.47; Pri. pro.: 12 novembre 1947
35mm. L.: 2524 m. D.: 92'. Bn. Versione italiana / Italian version
Da: CSC - Cineteca Nazionale

Angelina, moglie di un vicebrigadiere e madre di cinque figli, guida le donne esasperate di una borgata romana ad azioni contro borsari neri e palazzinari; sfida la polizia, ed è tentata di scendere in politica. Finale aperto, che dalla critica impegnata è sempre stato giudicato un ritorno all'ordine, e invece non lo è. Dopo il neorealismo timido di Un americano in vacanza e Vivere in pace, Zampa cambia metodo e gira il suo primo film importante. Aperto da un maestoso piano sequenza, mostra anche una    onsapevolezza stilistica di solito negata al regista romano. Che, con i fidi Tellini e Cecchi D'Amico, si ispira a un fatto di cronaca, e offre ad Anna Magnani (in uno dei suoi rari credits come cosceneggiatrice) un ruolo in linea con il suo personaggio postbellico di popolana intraprendente. Qui molto più sovversivo: il film diventerà "quasi un cult presso vari gruppi degli anni Settanta, che vi vedono l'antecedente degli 'espropri proletari'" (Pellizzari). Nel piglio civile,  trascinante, senza eufemismi, viene fuori l'anima di un grande regista.  Notevole, inoltre, come Zampa storicizzi il neorealismo rappresentando giornalisti e fotografi borghesi che curiosano tra le baracche e vengono presi a male parole dagli abitanti. È una mise en Abyme, un'autocritica metalinguistica, una dichiarazione morale. 

Proiezioni:
Lunedì 27 giugno 2011
Cinema Arlecchino
18.00
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Ridere civilmente. Il cinema di Luigi Zampa
Dettagli sul luogo:
via delle Lame, 57
Numero posti: 450
Aria condizionata
Accesso disabili
Tel. 051 522285