In sala

Novembre 2019

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
Bookmark and Share
Domenica 26 giugno 2011 14.30
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni

DER KONGRESS TANZT

(Germania/1931) di Eric Charell (85') 

T. it.: Il congresso si diverte; Scen.: Norbert Falk, Robert Liebmann e (non accred.) Hans Müller, Paul Frank; F.: Carl Hoffmann; Mo.: Viktor Gertler; Scgf.: Robert Herlth, Walter Röhrig; Co.: Ernst Stern; Eff. spec.: Theodor Nischwitz; Mu.: Werner Richard Heymann; Liriche: Robert Gilbert; Su.: Fritz Thiery; Ass. regia: Paul Martin, Basil Ruminow, Kurt Hoffmann; Int.: Lilian Harvey (Christel Weinzinger), Willy Fritsch (Zar Alessandro di Russia / Uralsky, suo sosia), Otto Wallburg (Bibikoff), Conrad Veidt (Principe Metternich), Carl Heinz Schroth (Pepi, il suo segretario), Lil Dagover (Contessa), Alfred Abel (Re di Sassonia), Eugen Rex  (Ambasciatore di Sassonia), Alfred Gerasch (Ambasciatore di Francia), Adele Sandrock (Contessa), Margarete Kupfer (Contessa), Julius Falkenstein (Ministro delle finanze), Max Gülstorff (Sindaco di Vienna), Paul Hörbiger (cantante), Ernst Stahl-Nachbaur (Napoleone), Sergius Sax, Hermann Blaß, Trude Brionne, Franz Nicklisch, Kurt Brunk; Prod.: Erich Pommer per Erich Pommer-Produktion/UFA; Pri. pro.: 29 settembre 1931
35mm. L.: 2673 m. D.: 98'. Bn. Versione tedesca. Da: Murnau Stiftung
Copia stampata a partire da un controtipo immagine e suono nel 1997

Interpretato da Lilian Harvey, Willy Fritsch e Conrad Veidt, Il congresso si diverte di Charell procurò nel 1931 un enorme successo all'UFA. La canzone premonitoria di Heymann, Das gibt's nur einmal, das kommt nicht wieder (Esiste un'unica volta e non ritornerà più), l'opulenza delle scenografie e dei costumi, la soavità raffinata delle luci, gli ampi movimenti della macchina da presa, che opponevano con disinvoltura l'evoluzione delle masse ai  têtê-a-têtê graziosamente erotici, l'intelligenza dei contrappunti musicali, fecero di questo racconto degli amoretti dello zar con una fiorista, ai margini del Congresso di Vienna, una riuscita esemplare  dell'operetta viennese, incrociata con lo show berlinese. Nato nel 1894 a Breslau, morto nel 1974 a Monaco, Eric Charell fu danzatore con Reinhardt, poi direttore del Grosses Schauspielhaus di Berlino, dove allestì L'albergo del cavallo bianco. Emigrato nel 1933, realizzò un solo altro film, Caravan, e riprese negli anni Cinquanta un lavoro di coreografo e sceneggiatore di operette in Germania.
(Roland Schneider, Histoire du cinéma allemand, Les Éditions du Cerf, Parigi 1990)

Proiezioni:
Domenica 26 giugno 2011
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
14.30
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Conrad Veidt, da Caligari a Casablanca
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 051 2195311