In sala

Maggio 2020

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Bookmark and Share
Lunedì 27 giugno 2011 14.30
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni

I WAS A SPY

(Gb/1933) di Victor Saville (89')

T. it.: Ero una spia; Sog.: dall'autobiografia I Was a Spy (1932) di Marthe Cnockhaert McKenna; Scen.: W.P. Lipscomb; Dial.: W.P. Lipscomb, J.H. Beith, Ian Hay; F.: Charles Van Enger; Scgf.: Alfred Junge; Co.: Gordon Conway; Mo.: Frederick Y. Smith; Su.: William Salter; Ass. regia: Herbert Mason; Int.: Madeleine Carroll (Marthe Cnockhaert), Conrad Veidt (comandante Oberaetz), Herbert Marshall (Stephan), Gerald du Maurier (il dottore), Edmund Gwenn (borgomastro), Donald Calthrop (Cnockhaert), Anthony Bushell (Otto), Eva Moore (Canteen Ma), Nigel Bruce (Scotty), May Agate (sig.ra Cnockhaert), George Merritt (Reichmann), Martita Hunt (zia Lucille); Prod.: Michael Balcon per Gaumont-British Picture Corporation, London; Pri. pro.: 26 luglio 1933 (Londra) .35mm. L.: 2498 m. D.: 89'. Bn. Da: BFI National Archive

Nel 1933 Victor Saville (1895-1979) diresse probabilmente i suoi migliori film inglesi: The Good Companions, Friday the Thirteenth e I Was a Spy. Essi dimostrano che Saville non era solo uno dei registi britannici più commerciali, ma anche uno dei più sofisticati. [...] I film girati da Saville a Hollywood, come Green Dolphin Street (1947), If Winter Comes (1947) e Kim (1950), hanno tutti origine in I Was a Spy, un film importante per il suo alto valore di produzione, la ricostruzione realistica di un villaggio belga in teatro di posa e l'interpretazione pacata e controllata (mai troppo snervante) di Madeleine Carroll, Herbert Marshall e Conrad Veidt. È la recitazione l'aspetto straordinario di I Was a Spy. [...] I Was a Spy è degno di nota anche per il suo rifiuto di schierarsi. Non condanna  esplicitamente l'invasione tedesca del Belgio; le atrocità tedesche non vengono mostrate, e anzi l'orrore peggiore descritto nel film è il bombardamento dei tedeschi feriti da parte dell'aviazione alleata. Come commentò W.H. Mooring nel "Motion Picture Herald" (23 settembre 1933): "Nel film non c'è molta guerra; c'è piuttosto un riflesso della guerra, colto appena dietro la zona di battaglia. Solo una o due volte capita che la furia del conflitto cali sui nostri personaggi sotto forma di granate; per il resto, nel loro muoversi tra vittime di guerra mutilate, sfiduciate e quasi impazzite essi appaiono lacerati più nell'animo che nella carne". Basato su una sceneggiatura tratta da una storia vera e approvata dall'interprete principale, Marthe Cnockhaert McKenna, I Was a Spy ebbe una buona accoglienza in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Molti critici concordarono con il giudizio del "Motion Picture Herald": "il film più vivido, toccante ed emozionante mai prodotto da uno studio britannico".
(Anthony Slide, Fifty Classic British Films 1932-1982. A Pictorial Record, Dover Publications, New York 1985)

Proiezioni:
Lunedì 27 giugno 2011
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
14.30
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Conrad Veidt, da Caligari a Casablanca
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 051 2195311