In sala

Giugno 2020

L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
Bookmark and Share
Mercoledì 29 giugno 2011 15.45
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni

DAS WACHSFIGURENKABINETT

(Germania/1924) di Paul Leni (75')

Accompagnamento al piano di Guenter Buchwald

T. it.: Tre amori fantastici / Il gabinetto delle figure di cera; Sog.: Henrik Galeen. Scen.: Henrik Galeen; F.: Helmar Lerski; Scgf.: Paul Leni; Co.: Ernest Stern; Ass. regia: Wilhelm Dieterle; Int.: Emil Jannings (Harun al Raschid), Conrad Veidt (Ivan il terribile), Werner Krauß (Jack lo squartatore), Wilhelm Dieterle (il poeta/Assad il pasticciere/un principe russo), Olga Belajeff (Eva/Maimune/una boiarda), John Gottow (proprietario del Panoptikum), Paul Biensfeld (Visir), Ernst Legal, Georg John. Prod.: Neptun-Film AG, Berlino per Ufa; Pri. pro.: 13 novembre 1924
35mm L.: 1721 m. D.: 75' a 20 f/s. Didascalie tedesche / German intertitles
Da: Münchner Film Museum

La fama del film è dovuta in gran parte alle peculiarità della regia di Leni: ogni episodio è concepito in uno stile aderente al soggetto. Le forme larghe e arrotondate corrispondono alla recitazione e ai movimenti degli attori nell'episodio orientale (Emil Jannings è il sultano). L'atmosfera dell'episodio russo è opprimente e cupa ed è ottenuta dalle scenografie che contrastano con la silhouette ascetica di Conrad Veidt che incarna Ivan. E infine, dei contorni brumosi, delle figure geometriche dalle punte aguzze, dei giochi di luce fantasmatici servono da scenografia alla fuga, in una piazza deserta, davanti a Jack lo squartatore. È questo che affascina nel film. C'è un'omogeneità perfetta tra la forma e il contenuto. L'ultimo episodio può essere considerato come una scena-chiave per tutti i film del genere. Una fuga convulsa e inutile davanti al terrore, il disagio sociale [...] Fu raramente resa in modo così efficace che in questo film. Ma assistiamo, malgrado tutto, al risveglio, al ritorno alla vita di tutti i giorni. È soprattutto per questo che il film costituisce il coronamento dell'espressionismo e segna già la transizione verso lo stile realista.
("Kamera", 1964)

Proiezioni:
Mercoledì 29 giugno 2011
Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
15.45
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Conrad Veidt, da Caligari a Casablanca
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 051 2195311