Bookmark and Share

QUAI DES BRUMES

(Francia/1938) di Marcel Carné (91')

Presentano Béatrice Valbin (StudioCanal) e Serge Toubiana (Cinémathèque française)

T. it.: Il porto delle nebbie; Sog.: dall'omonimo romanzo (1927) di Pierre Mac Orlan; Scen. Dial.: Jacques Prévert; F.: Eugen Schüfftan; Op.: Louis Page, Marc Fossard, Henri Alekan; Mo.: René Le Hénaff; Scgf.: Alexandre Trauner; Mu.: Maurice Jaubert; Su.: Antoine Archaimbaud; Int.: Jean Gabin (Jean), Michèle Morgan (Nelly), Michel Simon (Zabel), Pïerre Brasseur (Lucien), Robert Le Vigan (Michel Krauss, il pittore), Edouard Delmont (Panama), Aimos (Quart-Vittel), Marcel Pérèz (il camionista), René Génin (il dottore), Jenny Burnay (la ragazza di Lucien), Roger Legris (il fattorino dell'albergo), Claude Walter, Martial Rebé, Marcel Melrac; Prod.: Grégor Rabinovitch per Ciné-Alliance; Pri. pro.: 18 maggio 1938
DCP. D.: 91'. Bn. Versione francese / French version
Da: Canal + e Cinémathèque française
Restaurato da l'Immagine Ritrovata / Restored by l'Immagine Ritrovata

Gli schermi rigurgitavano di commedie - musicali o no - brillanti, ricche di sole, di gioia e di comparse. Ed ecco che arrivavo io, con il locale notturno vuoto, la nebbia, il grigiore, le strade bagnate dalla pioggia e illuminate da fiochi lampioni! Per fortuna, era troppo tardi per modificare tutto, ammesso - e non era nemmeno il caso di pensarlo - che Jacques [Prévert] e io accettassimo di farlo. Del resto, mi sentivo appoggiato da Gabin, il quale mi dava una sicurezza che nasceva unicamente dalla sua disponibilità e dal suo aiuto. Le riprese iniziarono, come previsto, il 2 gennaio 1938 a Le Havre, senza che alcun taglio fosse ancora stato effettuato. Il freddo era terribile. (...) Naturalmente, avevamo contato sulla nebbia, che invece mancò all'appuntamento. Trauner e Schüfftan decisero di sostituirla artificial-mente bruciando una specie di catrame in grandi recipienti metallici. (...) [Trauner] eccelleva nella costruzione di ambienti "in falsa prospettiva". Per esempio, una via di trenta metri, una volta trasferita sullo schermo, dava l'impressione di essere quattro volte più lunga, impiegando evidentemente lo strumento adatto e cioè un obiettivo con focale corta. L'effetto nasceva dalla sistemazione e, soprattutto, dalla proporzione degli edifici che formavano la via: i primi erano di dimensioni normali o decisamente più piccoli, tutti gli altri che seguivano diminuivano progressivamente sia in altezza sia in larghezza; a seconda della lunghezza della strada, gli ultimi raggiungevano due o anche solo un metro di altezza. La pavimentazione su un piano inclinato, che risaliva verso il fondo, aiutava a migliorare l'illusione ottica.
(Marcel Carné, Gusto di vita, Longanesi & Co., Milano 1982)

Proiezioni:
Giovedì 30 giugno 2011
Cinema Jolly
18.15
Venerdì 1 luglio 2011
Cinema Jolly
09.15
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2011
Ritrovati e Restaurati
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
Via Marconi, 14
Numero posti: 362
Aria condizionata
Info: 051224605