In sala

Novembre 2017

L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
Bookmark and Share
Sabato 23 giugno 2012 14.30
Cinema Lumičre - Sala Officinema/Mastroianni

1912. Frammenti di sogni / Lo specchio scuro. La guerra

Frammenti di Sogni

BARCELONE - PRINCIPALE VILLE DE LA CATALOGNE (Francia, 1912)  R.: Segundo de Chomón. D.: 2'
BARCELONE - PRINCIPALE VILLE DE LA CATALOGNE (Francia, 1912) R.: Segundo de Chomón. D.: 4'
LA POLIZIA MODERNA
(Italia, 1912) D.: 6'. Did. fiamminghe e francesi
DÉSESPÉRÉE (Francia, 1912) D.: 3'
RIGADIN NAPOLÉON (Francia, 1913) R.: Georges Monca. D.: 2
LUNE DE MIEL DE ZIGOTO (
Francia, 1912) R.: Jean Durand. D.: 6'

Lo Specchio Scuro. La guerra

VAINQUEURS ET VAINCUS (Francia, 1912) D.: 8'. Did. tedesche
THE ROSARY (USA, 1913) R.: Lois Weber, Philips Smalley. D.: 16' Did. inglesi
BONDS OF MUSIC (USA, 1912) R.: Charles Kent; D.: 15'. Did. olandesi
VÁLKA VÁLCE (Guerra alla guerra, Boemia, 1912), D.: 10'. Did. ceche

Introduce Mariann Lewinsky
Accompagnamento al piano di Gabriel Thiaudeau

 

Belle Époque: un'espressione che evoca quadri di Manet, déjeuners alla moda e parties di canottieri, manifesti di Toulou­se-Lautrec e caffè letterari viennesi. In realtà, durante i pacifici anni d'oro che precedettero il 1914 molti stati europei si trovarono in guerra. Non ancora gli uni contro gli altri, ma contro l'impero otto­mano, a spese del quale andavano ingran­dendo i propri territori. Nel 1907 la Francia occupa il Marocco; nel 1908 l'Austria si annette la Bosnia e l'Erzegovina; nel 1911 l'Italia invade la Libia. Dopo la Li­bia, l'impero ottomano perse altri territori nelle guerre balcaniche del 1912-1913.che, combattute ufficialmente da Serbia, Bulgaria, Montenegro e Grecia, erano gui­date in realtà dalle potenze europee. Vain­queurs et vaincus racconta in forma di re­portage le vicende degli scenari di guerra. Le conferenze di pace e le grandi manife­stazioni di protesta contro il riarmo - come quelle che si svolsero nel 1912 in molte città (Válka válce mostra la manifestazio­ne del 17 novembre 1912 a Praga) - non produssero effetti. Nel 1914 la politica di guerra nazionalistica ebbe la meglio sul movimento pacifista internazionale e indi­pendente, che aveva in Bertha von Sutt­ner l'attivista di maggior spicco. Come nel romanzo della Suttner Abbasso le armi! (Die Waffen nieder!, 1889), The Rosa­ry (Lois Weber, 1912) e Bonds of Music (Vitagraph, 1912) rendono visibili, nel modo più coinvolgente, le catastrofiche conseguenze della guerra sull'esistenza del singolo. Bertha von Suttner morì nel giugno del 1914. Jean Jaurès, il pacifista socialista francese che si era impegnato a favore della riconciliazione con la Germa­nia, fu assassinato il 31 luglio 1914 da un nazionalista di destra.

 

The phrase 'Belle Époque' conjures up Manet's paintings, fashionable picnics and boating parties, Toulouse-Lautrec posters and Viennese coffee-house literati. But in fact, in these golden years of peace before 1914, many European states were waging war; not yet against each other, but against the Ottoman Empire, at whose expense they were expanding their own terrain. In 1907 France occupied Mo­rocco; in 1908 Austria annexed Bosnia and Herzegovina; in 1911 Italy joined in, with the invasion of Libya; after Libya, the Ottoman Empire lost more territories in the Balkan Wars of 1912-1913. These, fronted by Serbia, Bulgaria, Montenegro and Greece, were steered from behind the scenes by the European powers. Vain­queurs et vaincus brings news, in report­age form, from the theatres of war. Peace conferences and massive anti-armament demonstrations - such as took place in several towns in 1912 (Válka válce shows the demonstration in Prague) - had no effect. In 1914 a nationalistic war policy won out over the international and non-partisan peace movement of the turn of the century, whose major cham­pion had been Berta von Suttner (1843-1914). As in Suttner's novel Lay Down Your Arms (Die Waffen nieder! 1889), The Rosary (Lois Weber 1912) and The Bond of Music (Vitagraph 1912) are pow­erful evocations of the devastating effects of war on ordinary people's lives. Berta von Suttner died in June 1914. Jean Jau­rès, the French socialist pacifist, who had espoused the cause of reconciliation with Germany, was murdered on 31 July 1914 by a right-wing nationalist.

 

Proiezioni:
Sabato 23 giugno 2012
Cinema Lumičre - Sala Officinema/Mastroianni
14.30
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2012
1912. Novantasei film di cento anni fa
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 174
Aria Condizionata
Accesso e servizi per disabili
Tel. 051 2195311