In sala

Febbraio 2020

L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
Bookmark and Share

EAST SIDE, WEST SIDE

(USA/1927) R.: Allan Dwan. D.: 91'

Sog.: dal romanzo omonimo di Felix Riesenberg. Scen.: Allan Dwan. F.: George Webber. Int.: George O'Brien (John Breen), Virginia Valli (Becka Lipvitch), J. Farrell MacDonald (Pug Malone), Dore Davidson (Channon Lipvitch), Sonia Nodalsky (Mrs. Lipvitch), June Collyer (Josephine), John Miltern (Gerrit Rantoul). Prod.: Fox Film Corporation. Pri. pro.: 9 ottobre 1927. 35mm. L.: 2493 m. D.: 91' a 24 f/s. Bn. Didascalie inglesi / English intertitles
Da: MoMA - The Museum of Modern Art per concessione di Twentieth Century Fox
Restaurato da MoMA - The Museum of Modern Art con il supporto di National Endowment for the Arts and The Film Foundation / Preserved by MoMA - The Museum of Modern Art with support from the National Endowment for the Arts and The Film Foundation

Accompagnamento al piano di Donald Sosin e Joanna Seaton


Dwan trascorse gran parte degli anni Venti a New York (e dintorni), dove poteva sottrarsi all'influenza sempre più nociva dei produttori della West Coast. East Side, West Side, uscito nel 1927, fu l'ultimo dei suoi film newyorkesi: non si potrebbe immaginare una lettera d'addio più eloquente e affettuosa. Come suggerito dal titolo, il film si incentra sulla duplice natura di Manhattan, che nel Lower East Side ospita la popolazione di immigrati irlandesi ed ebrei e nell'Upper West Side è sede dell'élite costituita da uomini d'affari e banchieri protestanti. George O'Brien, reduce da Aurora di Murnau, è un giovane di umili origini che vive una rinascita simbolica quando il barcone sull'East River su cui è cresciuto affonda portando con sé la madre e il padre adottivo e costringendolo a raggiungere la metropoli a nuoto. Inizialmente il ragazzo viene accolto da una famiglia ebrea (dove la bella figlia, interpretata da Virginia Valli, mostra un'immediata simpatia nei suoi confronti); in seguito, quando il giovane è ormai diventato un pugile famoso, un distinto uomo d'affari (Holmes Herbert) si interessa misteriosamente a lui e lo invita a casa propria per permettergli di studiare architettura. O'Brien è ora attratto dalla pupilla del suo benefattore, una creatura socievole e festaiola interpretata da June Collyer. Dwan sottolinea con assoluta naturalezza la componente metaforica delle ambientazioni, accompagnando O'Brien dalle profondità degli scavi per la costruzione della metropolitana fino alla cima di un grattacielo da lui progettato. E in più, omaggio della ditta, assistiamo anche al naufragio del Titanic.

Dave Kehr



Dwan spent much of the 20s working in (and out) of New York City, where he was free from the increasingly baleful
influence of the studio supervisors on the West Coast. Released in 1927, East Side, West Side was the last of his New York films, and one could hardly ask for a more eloquent, affectionate letter of farewell. As the title suggests, the film pivots on the dual nature of Manhattan, as a home, on the Lower East Side, to a struggling immigrant population of Irish and Jews, and on the Upper West Side, as the domicile of the city's rulingjh aristocracy of Protestant bankers and businessmen. George O'Brien, arriving fresh from Sunrise, is the transitional figure, a young outsider of obscure parentage who is symbolically reborn when the East River barge that has been his childhood home sinks beneath him, drowning his mother and adoptive father, and he swims ashore to the great city. At first, he is taken in by a Jewish family (with an attractive daughter, played by Virginia Valli, who takes a particular interest in him); later, as he achieves fame as a boxer, a distinguished businessman (Holmes Herbert) takes a mysterious interest in him, and invites him into his home where he can study to become an architect. O'Brien's attention now turns to his benefactor's beautiful ward, a society butterfly played by June Collyer.Throughout, Dwan makes an effortlessly metaphorical use of his locations, as O'Brien's trajectory takes him from the depths of a subway excavation (where he is working as an engineer) to the top of a skyscraper of his own design. Plus, at no extra charge, the sinking of the  Titanic.

Dave Kehr

 

precede
FROZEN JUSTICE (USA/1929) R.: Allan Dwan. D.: 8' (frammento)

T. it.: Giustizia dei ghiacci. Sog.: dal romanzo omonimo di Einar Mikkelsen. Scen.: Sonya Levien. Dial.: Owen Davis. F.: Harold Rosson. M.: Harold Schuster. Mus.: Arthur Kay. Su.: Edmund H. Hansen. Int.: Lenore Ulric (Talu), Robert Frazer (Lanak), Louis Wolheim (Duke), Ullrich Haupt (capitano Jones), Laska Winter (Douglamana), El Brendel (Swede), Tom Patricola (ballerino), Alice Lake (Little Casino), Gertrude Astor (Moosehide Kate). Prod.: Fox Film Corporation. Pri. pro.: 13 ottobre 1929. 35mm. L.: 205 m (incompleto). D.: 7' a 24 f/s. Bn. Didascalie inglesi / English intertitles Da: Library of Congress

Del primo lungometraggio completamente sonoro di Dwan si è conservato solo un rullo, per giunta privo di suono, ma è più che sufficiente a dimostrare che Dwan era già pronto per le sfide e le opportunità offerte dalla nuova tecnologia. La storia si svolge a Nome, in Alaska, durante la febbre dell'oro. Dwan mostra la via principale della cittadina con una lunga carrellata: la macchina da presa passa davanti ai saloon, alle facciate dei negozi e ai vicoli, sostando quanto basta a rendere l'animazione degli interni: effetto spettacolare  che era certamente accentuato dai dialoghi e dalla musica nella colonna sonora andata perduta.

Dave Kehr



Only one reel survives - and that without sound - from Dwan's first feature-length all-talkie, but it is more than enough to demonstrate that Dwan had already risen to meet the challenges and opportunities of the new technology. Dwan establishes the location of the story (the Gold Rush town of Nome, Alaska) with an extended dolly shot that moves down the main drag, the camera pausing in front of various saloons, storefronts and alleyways just long enough capture a sense of the activity inside - a spectacular effect no doubt enhanced by swatches of dialogue and music on the now missing soundtrack.

Dave Kehr

Proiezioni:
Martedì 2 luglio 2013
Cinema Jolly
18.15
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2013
Allan Dwan, nobile primitivo
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale
Dettagli sul luogo:
Via Marconi, 14
Numero posti: 362
Aria condizionata
Info: 051224605