In sala

Giugno 2020

L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
Bookmark and Share

THE FARMER’S WIFE

(La moglie del fattore, Gb/1928) R.: Alfred Hitchcock. D.: 112'

Accompagnamento al piano di Neil Brand

T. it.: La moglie del fattore. Sog.: dall'opera teatrale omonima di Eden Phillpotts. Scen.: Eliot Stannard. F.: John J. Cox. Scgf.: C. Wilfred Arnold. Int.: Jameson Thomas (Samuel Sweetland, il fattore), Lilian Hall Davis (Araminta Dench, la sua governante), Gordon Harker (Churdles Ash), Maud Gill (Thirza Tapper), Antonia Brough (Susan), Gibb McLaughlin (Henry Coaker), Louie Pounds (la vedova Windeatt), Olga Slade (Mary Hearn), Ruth Maitland (Mercy Bassett), Haward Watts (Dick Coaker). Prod.: John Maxwell per British International Pictures. 35mm. L.: 2571 m. D.: 112' a 20 f/s. Bn. Didascalie inglesi / English intertitles
Da: BFI National Archive per concessione di Studiocanal
Restaurato da BFI National Archive in associazione con Studiocanal / Restored by BFI National Archive in association with Studiocanal. Restauro finanziato da / Restoration funding provided by Matt Spick con Deluxe 142

 

Un fattore ricco e vedovo decide di risposarsi. Con l'aiuto della fedele governante stila una lista delle possibili candidate e le corteggia tutte, con esiti disastrosi. Questa commedia romantica d'ambientazione rurale è quanto di più lontano ci si possa aspettare da un film di Hitchcock, che pure si concesse qualche altra incursione nel genere romantico con Champagne, la commedia sofisticata Mr and Mrs Smith (1941) e The Trouble with Harry (1955). The Farmer's Wife è un film sorprendentemente raffinato e una delle opere più godibili del primo Hitchcock, con buone interpretazioni, splendidi interni, belle ambientazioni e i toni al contempo garbati e farseschi tanto amati dal pubblico britannico. È essenzialmente una commedia ben calibrata sulla guerra dei sessi e la storia di un uomo arrogante che riceve una lezione di umiltà, resa pregnante dalla scena iniziale in cui il signor Sweetland (Jameson Thomas) contempla un futuro di solitudine nel trambusto del matrimonio delle figlie. Non mancano i momenti farseschi, grazie alla recitazione sopra le righe di Gordon Harker nei panni del tuttofare scansafatiche Churdles Ash e alla scena grottesca in cui la brillante caratterista Maud Gill nel ruolo di Thirza Tapper ripete il numero comico che già fu suo nella fortunata commedia teatrale di Phillpotts da cui il film è tratto. La serie di umilianti rifiuti incassati da Sweetland lo spoglia del suo orgoglio e gli permette di vedere quello che noi sapevamo dall'inizio: la sposa ideale è sempre stata sotto il suo naso.
La dolce e pacata Lilian Hall Davis, già ammirata in The Ring, fu un'ottima scelta per il ruolo di coprotagonista. Gli splendidi esterni furono girati ai margini di Exmoor, nei pressi di Minehead (la pièce era ambientata a Widecombe, nel Dartmoor) e la fattoria fu accuratamente ricreata in studio con quattro pareti per consentire a Hitchcock e al suo operatore Jack Cox di girare carrellate più lunghe e realistiche. I recensori dell'epoca si entusiasmarono. Il "Sunday Graphic" scrisse: "Non fosse altro che per mostrare al mondo il paesaggio del Devonshire, la proiezione di The Farmer's Wife varrebbe
di per sé la pena; ma Alfred Hitchcock ha tratto un film incantevole dalla commedia di Phillpott. È un film tipicamente inglese che riesce a risultare interessante anche al resto del mondo. Da vedere".

 

Come nel caso di altri film muti di Hitchcock, il negativo di The Farmer's Wife è andato perduto. Basandosi su copie di quel negativo prodotte negli anni Sessanta, i restauratori hanno avuto l'arduo compito di rendere il film il più possibile simile all'originale. Nel ricreare un nuovo negativo si sono pertanto concentrati su un grading meticoloso e su una calibrazione precisissima per far sì che le nuove copie avessero il contrasto e la grana giusti. Oltre a minimizzare i graffi e i danni derivanti dall'originale, si è cercato di ripristinare le caratteristiche dissolvenze alla Hitchcock, come quando la macchina da presa passa senza soluzione di continuità dal campo lungo di un edificio fino all'interno della casa attraversando la finestra.

Bryony Dixon

 

A widowed landowner decides to marry again. With the aid of his faithful housekeeper he draws up a list of all the eligible women in the neighbourhood, and goes wooing each in turn, with disastrous results. A romantic comedy in a rural setting is about as far as you can get from a typical Hitchcock film, although he did make a couple of other forays into the romantic comedy genre over the course of his career, with Champagne later in the same year, a gentle screwball Mr and Mrs Smith (1941) and The Trouble with Harry (1955). The Farmer's Wife is a deceptively subtle film and one of Hitchcock's most enjoyable early works, with good performances, superior settings, lovely locations and the kind of gentle comedy, coupled with farce, beloved of British audiences. In essence, it is a finely judged battle-of-the-sexes comedy and the story of the humbling of an arrogant man, given some depth by the poignancy of the opening scene where Farmer Sweetland (Jameson Thomas) contemplates a lonely future amid the bustle of his daughters wedding feast. There are moments of farce, courtesy of Gordon Harker hamming it up as the work-shy farmhand, Churdles Ash and a toe-curling party scene in which talented comedienne Maud Gill reprises her successful comic turn as Thirza Tapper from the original West End run. The run of humiliating rejections Sweetland endures finally strips him of his self-defeating pride and allows him to see what we have long since understood: that his ideal bride has been in front of his nose all along.
The gentle and dignified Lilian Hall Davis, who had just recently appeared to such acclaim in
The Ring was a good choice to star opposite Jameson Thomas. The gorgeous locations were filmed on the edge of Exmoor near Minehead, standing in for Widecombe, on Dartmoor which was Phillpott's original setting and the farmhouse was recreated in painstaking detail in the studio with four walls so that Hitchcock and cameraman Jack Cox could do longer tracking shots for greater realistic effect. Contemporary reviewers were enthusiastic, the "Sunday Graphic" wrote "If its only use were to show Devonshire scenery to the world, the screening of The Farmer's Wife would be worthwhile; but Alfred Hitchcock has made a delightful picture of the Philpott's comedy. This is surely the kind of film that is typically English and yet can hold some appeal for the world. You must see it".

 

The Farmer's Wife is one of several of the Hitchcock silent films for which the original negative does not survive. Working from later duplications of that negative made in the 1960s, the restoration team's principal challenge was to ensure that the film looked as much as possible like the original. Work on The Farmer's Wife accordingly focused on meticulous grading and on a precise calibration to record the image data back to a new film negative. This has ensured that the new prints have the correct contrast and texture. As well as minimising scratches and damage printed in from the original, some work was done to restore Hitchcock's trademark dissolves, such as when the camera moves seamlessly from a long shot of a house through the window to the inside.

Bryony Dixon

Proiezioni:
Mercoledì 3 luglio 2013
Cinema Jolly
16.30
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2013
I muti di Hitch
Accompagnamento Musicale Accompagnamento Musicale
Dettagli sul luogo:
Via Marconi, 14
Numero posti: 362
Aria condizionata
Info: 051224605