In sala

Agosto 2020

L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
Bookmark and Share
Sabato 6 luglio 2013 18.15
Cinema Lumière - Sala Scorsese

MENACES

(Francia/1940) R.: Edmond Gréville. D.: 91'

Scen. Edmond T . Gréville, Curt Alexander, Pierre Lestringuez . F .: Otto Heller, Nicolas Hayer, Alain Douarinou .M .: Tennisen . Scgf .: Lucien Jaquelux .Mus .: Guy Lafarge, Maurice Bellecour . Su .: Tony Leenhardt . Int .: Erich von Stroheim (professor Hoffman), Jean Galland (Louis), Mireille Balin (Denise), Henri Bosc (Carbonero), Ginette Leclerc (Ginette), John Loder (Dick Stone), Elisabeth Dorath (Marischka), Maurice Maillot (Mouret) . Prod .: Société de Production du Film Cinq Jours d'Angoisse, Union Française de Production Cinématographique DCP L .: 2198 m . D .: 91' . Bn . Versione francese / French version . Da: Cinémathèque Royale de Belgique

 

Film internazionale, con uno sceneggiatore tedesco (che morirà deportato), un operatore ceco, qualche attore inglese, un russo e soprattutto un uomo venuto dal nulla, Erich von Stroheim, al quale Edmond T. Gréville dà il volto mezzo sfigurato di un grande invalido della Prima guerra mondiale, Menaces manifesta come poche opere dell'epoca una percezione per così dire barometrica del conflitto imminente. Anche fatta la tara delle esagerazioni del testimone principale, lo stesso talentuoso Gréville, la storia del film è quantomai avventurosa. Le riprese di Cinq jours d'angoisse (titolo di lavorazione) iniziano nel gennaio 1939, poco dopo l'accordo di Monaco. Con il pretesto di narrare le vicissitudini dei clienti di un albergo a Place du Panthéon, la sceneggiatura evolve a seconda dell'attualità. "Ogni settimana, un colpo di scena nella situazione internazionale gettava la lavorazione nel panico e nella confusione. Ci furono varie mobilitazioni parziali che mi obbligarono a cambiare tecnici e attori". Poi è la volta dei produttori che, rovinati, scompaiono. Il film viene ripreso dal laboratorio L.T.C. In aprile, un incendio (Gréville sospetterà sempre una matrice criminale e politica) distrugge gran parte del negativo. Le riprese in teatro di posa ripartono in agosto, ma vengono interrotte dalla dichiarazione di guerra. Gréville riesce a strappare altre tre settimane di riprese in cambio di un finale patriottico e guerresco, e il film esce nel dicembre 1939. Secondo il regista, il negativo sarebbe stato in seguito "distrutto dalla Gestapo". Nel settembre 1945 rimette insieme il film con un nuovo finale. Stroheim e John Loder si trovano all'estero, Ginette Leclerc e Mireille Balin sono in prigione, Jean Galland è sotto interdizione: Gréville usa Maurice Maillot e delle controfigure. Purtroppo, quest'ultima versione è l'unica rimasta.

Bernard Eisenschitz

 

An international film with a German screenwriter (who would die in a concentration camp), a Czech camera operator, some British actors, a Russian and in particular a man who came out of nowhere, Erich von Stroheim, to whom Edmond T. Gréville gave the half disfigured face of a wounded war hero from the First World War: Menaces displayed a perception like few other films at the time, that is to say it was a barometer for the imminent conflict. The story of the film is extremely adventurous, even if we take the talented Gréville's exaggerations with a pinch of salt. The filming of Cinq jours d'angoisse (working title) began in January 1939, shortly after the Munich agreement. By talking about the comings and goings of the clients of a hotel in place du Panthéon, the script developed the plot alongside political events. "Every week, a change in the international situation threw the process into panic and confusion. There were various partial mobilisations forcing me to change technicians and actors". Then it was the turn of the producers who lost their money and went away. The film was taken over by the L.T.C. laboratory. In April, a fire destroyed a large part of the negative copy (Gréville suspected that it had political and criminal origins). Shooting in a film studio was restarted in August, but was interrupted by the declaration of war. Gréville managed to get another three weeks filming in exchange for a patriotic war ending and the film was released in December 1939. According to the director, the negative was later "destroyed by the Gestapo". In September 1945 the film put back together and given a new ending. Stroheim and John Loder are abroad, Ginette Leclerc and Mireille Balin are in prison, Jean Galland was banned: Gréville used Maurice Maillot and doubles. Unfortunately, this last version is the only remaining.

Bernard Eisenschitz

Proiezioni:
Mercoledì 3 luglio 2013
Cinema Lumière - Sala Scorsese
18.40
Sabato 6 luglio 2013
Cinema Lumière - Sala Scorsese
18.15
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2013
La guerra è vicina: 1938-1939
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
Piazzetta Pier Paolo Pasolini (ingresso via Azzo Gardino 65)

Numero posti: 144
Aria condizionata
Accesso e servizi per disabili
Il nostro cinema aderisce al circuito CinemAmico: è possibile utilizzare l’applicazione MovieReading® per i film di cui è prevista audiodescrizione e/o sottotitolazione sull'applicazione.
Tel. 0512195311