In sala

Giugno 2020

L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
Bookmark and Share

MODEL SHOP

(L'amante perduta, Francia/1969) R.: Jacques Demy. D.: 90'

T. it.: L'amante perduta. Scen.: Jacques Demy. F.: Michel Hugo. M.: Walter Thompson. Scgf.: Kenneth A. Reid. Mus.: Spirit. Su.: Les Fresholtz, Arthur Piantadosi, Charles J. Rice. Int.: Anouk Aimée (Lola/Cecile), Gary Lockwood (George Matthews), Alexandra Hay
(Gloria), Carol Cole (Barbara), Tom Holland (Gerry), Severn Darden (l'uomo corpulento), Neil Elliot (Fred). Prod.: Jacques Demy per Columbia Pictures. Pri. pro.: 11 febbraio 1969 DCP. D.: 90'. Col. Versione inglese / English version
Da: Sony Columbia per concessione di Park Circus
Dopo il lavoro di conservazione eseguito presso il FotoKem Laboratory, un nuovo interpositivo è stato scansionato a 4K. Il restauro è stato effettuato presso la Colorworks di Los Angeles e presso Chace Audio di Deluxe (per il suono) / Following preservation work done at FotoKem Laboratory, a new Interpositive was scanned at 4K. This was followed by digital image restoration in Los Angeles at Colorworks and audio restoration at Chace Audio by Deluxe


Siamo nel 1967, Jacques Demy e Agnès Varda si stabiliscono a Los Angeles. Lui ha firmato un contratto con la Columbia per intermediazione del suo amico Gerald Ayres (incontrato in occasione della nomination agli Oscar di Parapluies de Cherbourg nel 1965) che è produttore. Lei si lancia alla scoperta delle contro-culture in piena effervescenza e vi girerà Black Panthers e Lions Love. [...] È con una vaga incredulità che Demy si lascia sedurre dalla dolce vita californiana, felice di ritrovarsi nella terra d'origine del suo cinema prediletto, ma anche stimolato dai movimenti dei giovani contestatori e figli dei fiori che cominciano a scuotere sia Hollywood (l'ultimo respiro degli studios) che l'America (lacerata dal conflitto vietnamita). [...] Il primo (e ultimo) film americano di Demy sarà Model Shop, dal budget più che ragionevole, ideale per un round di prova. Le riprese hanno luogo in marzo e aprile 1968... Dopo L.A., anche Jacques Demy fa la sua rivoluzione: mentre la Columbia si aspetta senza dubbio da lui una rimasticatura più costosa di Parapluies de Cherbourg o di Demoiselles de Rochefort, egli filma in modo quasi documentario le ventiquattrore di vagabondaggi di un giovane architetto senza lavoro e reduce da una rottura sentimentale, che batte i viali di Los Angeles al volante di una vivace piccola vettura verde smeraldo di cui non riesce a pagare le rate. In un parcheggio, incrocia una bella donna in bianco dall'accento intrigante e decide di seguirla. Questa donna è... Lola. La Lola del primo film di Demy, interpretata da Anouk Aimée. Dopo aver importato Gene Kelly a Rochefort, Demy non può resistere a portare con sé un po' di Nantes a Hollywood. [...] Quello che dà a Model Shop la sua tonalità dolce-amara, oltre alla ferita abissale della bella Lola, è la sentenza della cartolina per il Vietnam che attende il giovane eroe e che sta avvenendo nella realtà durante il film. Per quanto la sua giornata sia indolore, il lunedì successivo partirà per la guerra. Siamo in terreno già noto: Demy non ha lasciato il proprio pessimismo acidulo alla frontiera, ma Model Shop possiede una freschezza tutta particolare dovuta alle riprese ultra-leggere in ambienti naturali, alla luce incomparabilmente scintillante di Los Angeles che Demy scopre felicemente mentre la filma. Visita la città seguendo i passi del suo eroe, si ferma davanti a un gruppo folk che sta facendo le prove, entra nei locali hippy di un giornale progressista, carica in autostop una giovane hippy che gli offre uno spinello per pagarlo: "Scaricami sul Sunset!" La vita è così semplice, in attesa di complicarsela.

Clélia Cohen, Model Shop, Jacques Demy l'enchanteur, "Les Inrockuptibles - Hors série", aprile 2013



It is 1967 and Jacques Demy  and  Agnès Varda set up home in Los Angeles. He has signed a contract with Columbia, brokered by his friend and producer Gerald Ayers (who he met when Parapluies de Cherbourg was nominated for an Oscar in 1965). She throws herself into the discovery of counterculture in full swing and films Black Panthers and Lions Love. [...] It is with a vague disbelief that Demy allows himself to be seduced by the Californian good life, happy to be in the homeland of his favourite type of cinema, but also excited by the movements of young protesters and flower children that are beginning to upset both Hollywood (the last breath of the studios) and America (which is divided over the war in Vietnam). [...] Demy's first (and last) American film is Model Shop, with a more modest budget, perfect for a trial round. Filming takes place in March and April 1968. After L.A., Jacques Demy has his own revolution: while Columbia is doubtlessly waiting for a more expensive version of Parapluies de Cherbourg or Demoiselles de Rochefort, he is making a documentary-style film about twenty-four hours in the broken life of a young architect, who is out of work and recovering from a break up,  travelling around the roads of Los Angeles in a small emerald green car which he cannot afford. He meets a beautiful woman in white with an intriguing accent in a car park and  he  decides to  follow  her.  This woman is... Lola. The Lola from Demy's first film, played by Anouk Aimée. After importing Gene Kelly to Rochefort, Demy cannot resist bringing a bit of Nantes back to Hollywood. [...] What gives Model Shop its bitter-sweet resonance, in addition to Lola's abysmal wound, is the call up for Vietnam where his destiny lies and which was really happening as the film was being made. Although today is painless enough, the following Monday he will go to war. We are in well-known territory: Demy has not left his bitter pessimism  at  home, but  Model  Shop has  an  unusual  freshness that owes to its ultra-light filming in natural environments, the incomparable sparkling light of Los Angeles that Demy happily discovers while filming. He visits the city following in his hero's footsteps, he stops in front of a folk group rehearsing, he goes into the hippy premises of a progressive newspaper, he gives a lift to a young hippy who offers to pay with a joint: "Let me out at the Sunset!" Life is so simple, awaiting complications.

Clélia Cohen, Model Shop, Jacques Demy l'enchanteur, "Les Inrockuptibles - Hors
série", April 2013

Proiezioni:
Mercoledì 3 luglio 2013
Cinema Arlecchino
09.00
L'evento è parte di: Il Cinema Ritrovato 2013
Ritrovati & Restaurati
Lingua originale con sottotitoli Lingua originale con sottotitoli
Dettagli sul luogo:
via delle Lame, 57
Numero posti: 450
Aria condizionata
Accesso disabili
Tel. 051 522285