In sala

Febbraio 2020

L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
Bookmark and Share

TRENO DI NOTTE PER LISBONA

Regia: Bille August
Interpreti: Jeremy Irons, Mélanie Laurent, Jack Huston
(Svizzera-Portogallo-Germania/2013, 111')

La vita di Raimund Gregorius, professore di latino che vive a Berna, è ben organizzata, ma monotona e prevedibile. Il giorno che cambierà per sempre la sua vita inizia come qualsiasi altro... Mentre Raimund attraversa il ponte che lo conduce a scuola vede una giovane donna che si sta per gettare nel fiume. Le salva la vita, ed inconsapevolmente, lei salva la sua. Lei lo accompagna a scuola. Quando l'enigmatica giovane donna dimentica il soprabito in classe, Raimund, sotto l'occhio stupito dei suoi alunni, l'afferra e le corre dietro. Non riesce a trovarla, ma nella tasca trova un libro e un biglietto del treno per Lisbona. Arriva alla stazione appena prima che il treno parta. La donna è introvabile e, inspiegabilmente, all'ultimo momento, Raimund sale sul treno. Nel viaggio inizia a leggere il libro appena trovato, un profondo lavoro di Amadeu Prado, un dottore portoghese, rivoluzionario e filosofo.

Se un professore di filologia classica che vive a Berna, circondato dai libri, che si fa il tè con la bustina, che gioca a scacchi da solo ed è così soporifero da aver fatto fuggire la moglie, ha però il viso dolente e stanco di Jeremy Irons, si capisce subito che gatta ci cova: che quella mattina, andando a scuola sotto la pioggia, la sua vita cambierà: infatti... Certo a 65 anni l'attore inglese non è più quello che, più di vent'anni fa, nudo e delirante di passione per Juliette Binoche in Il danno di Louis Malle, obbligava al delirio anche le sue fan. Avvilito adesso dal ruolo televisivo di Papa Borgia, pareva ormai perduto: invece nel polpettonissimo ben diretto dal maestro del ramo Bille August, un po' di polveroso fascino riesce a regalarlo ancora. A patto che gli si perdoni, in quanto professor Gregorius, il subitaneo incantamento per un vecchio librettino in portoghese, trovato nel cappotto di un'aspirante suicida da lui salvata e poi scomparsa. La sua erudizione non lo salva dalle banalità filosofiche di Un orafo delle parole, autore l'ignoto Amadeu de Almeida Prado, che lo spinge a prendere insensatamente un Treno di notte per Lisbona. Dove l'erudito professore, in preda forse a passate meravigliose letture di Pessoa, decide di cercare il misterioso scrittore. Bei palazzi antichi, vecchie cameriere sospettose, Charlotte Rampling, di anziana e orgogliosa malinconia, sorella dello scrittore-medico-filosofo, il buon prete Christopher Lee, però con lo sguardo dello stregone del Signore degli anelli, che ricorda Amadeu fanciullo, l'oculista Martina Gedeck che, corteggiando il filologo svizzero con la scusa di un nuovo paio di occhiali, gli apre le porte del passato e di quel che di quel passato sopravvive. [...] si tratta di un thriller romantico e non politico, quindi clandestinità, complotti, torture e arresti stanno sullo sfondo e il film se ne frega di come poi la rivoluzione militare dei garofani pose fine al regime fascista, nell'aprile del '74. [...]

Natalia Aspesi, "La Repubblica"

Proiezioni:
Giovedì 1 agosto 2013
Shopville GranReno
21.30
L'evento è parte di: Cinema Gran Reno

Tariffe:

Biglietto intero: 5 Euro
Biglietto ridotto: 3 Euro (bambini e anziani); 2 Euro per i titolari Premium Card Shopville
Tutti i giorni, dalle ore 19 alle 21, sarà possibile ritirare fino a esaurimento, 50 ingressi omaggio per gli over 60 (gli omaggi devono essere richiesti personalmente e con documento di identità che attesti l'età), e i coupon per l'ingresso ridotto a 3 Euro.

Dettagli sul luogo:
via Marylin Monroe, 2 - Casalecchio di Reno, Bologna

 

Apertura cassa: ore 19
Info: (+39) 0516178030