In sala

Dicembre 2017

L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Bookmark and Share

BREAK UP - L'UOMO DEI CINQUE PALLONI

(Italia-Francia/1963-1967) di Marco Ferreri (86')  

Soggetto e sceneggiatura: Marco Ferreri, Rafael Azcona. Fotografia: Aldo Tonti. Montaggio: Enzo Micarelli. Scenografia: Carlo Egidi. Musica: Teo Usuelli. Interpreti: Marcello Mastroianni (Mario), Catherine Spaak (Giovanna), Ugo Tognazzi (automobilista), William Berger (Benny), Ennio Balbo, Marco Ferreri. Produzione: Carlo Ponti per Compagnia Cinematografica Champion-Les Films Concordia. DCP 4K. Durata: 86’
Versione originale con sottotitoli inglesi
Copia proveniente da Fondazione Cineteca di Bologna
Restaurato in 4K nel 2016 da Cineteca di Bologna e Museo Nazionale del Cinema di Torino in collaborazione con Warner Bros. con il contributo di Massimo Sordella e il sostegno di Nuovo Imaie, presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata, a partire dalla scansione 4K di un interpositivo d’epoca e un positivo suono conservati presso la Warner Bros. Si ringrazia CSC – Cineteca Nazionale per avere messo a disposizione come reference la copia 35mm stampata dal negativo originale presso Turner International, Los Angeles.

 

Break Up è un film invisibile, un film che pochi spettatori hanno potuto vedere. Benché si tratti del primo incontro tra Mastroianni e Ferreri, e di una delle interpretazioni più straordinarie di Mastroianni, è stato uno dei film meno conosciuti del cinema europeo del dopoguerra. Fino a questo restauro e alla presentazione in concorso a Venezia nel 2016, dove ha ottenuto il Leone d’Oro per il migliore restauro. La lavorazione di Break Up termina nel dicembre 1963. Nel gennaio 1964 il film è pronto e ottiene il visto di censura,ma Carlo Ponti decide di bloccarne l’uscita e lo trasforma in un cortometraggio di venticinque minuti, episodio del film a sketch Oggi, domani, dopodomani, che comprende anche due episodi diretti da Luciano Salce e da Eduardo De Filippo. Nel 1967 Ponti e Ferreri si ritrovano, e Ferreri può girare un nuovo episodio a colori. Il film è pronto ancora una volta. Ma, dopo una breve distribuzione in Francia e negli Stati Uniti, scompare. Nel 1979 Ferreri dona una copia 16mm in bianco e nero a Lab80 di Bergamo, che procede a una piccola distribuzione indipendente. Pur essendo ben poco visto, il film annovera numerosi titoli: L’uomo dei palloncini, L’uomo dei cinque palloni (L’Homme aux cinq ballons) e infine Break Up, che è probabilmente un’invenzione di Ponti, fresco del successo di Blow-up. Ponti vende il film a MGM e, successivamente, i diritti passano a Warner Bros., presso cui è stato ritrovato l’interpositivo (mentre il negativo è andato perduto). Visto oggi, il film appare incredibile: sembra anticipare la festa di Hollywood Party e lo strip-tease di Kim Basinger in 9 settimane e mezzo, con un cantante che assomiglia a Belushi prima della comparsa di Belushi; un film in cui si possono ammirare i quadri di Morandi e si può ascoltare una delle più popolari cantanti di quegli anni, Orietta Berti. È già presente, qui, il Ferreri dell’astrazione, un autore non ideologico, capace di costruire storie paradossali e di rivelare le contraddizioni della società dei consumi. La sceneggiatura di Break Up è firmata da Rafael Azcona, sceneggiatore di tutti i migliori film di Ferreri (El pisito, La donna scimmia, La grande abbuffata…).

(Gian Luca Farinelli)

 

Serata sostenuta da Aeroporto Marconi di Bologna

Proiezioni:
Giovedì 29 giugno 2017
Piazza Maggiore
21.45
L'evento è parte di: Sotto le stelle del cinema 2017

Tariffe:

Ingresso libero

Dettagli sul luogo:

Documenti

La cartolina della serata

Tipo di File: PDF Dimensione: 326.27 Kb