Premio Gianandrea Mutti

Programmazione

Il Premio Gianandrea Mutti, il cinema migrante, giunto alla sua 12a edizione, è promosso da Fondazione Cineteca di Bologna, Associazione Amici di Giana, Archivio delle Memorie Migranti (AMM) e Fondazione Pianoterra Onlus. Da quest’anno il premio torna con una nuova veste grafica e con il suo nome originale. Rivolto ad autori migranti stranieri e italiani, originari di Asia, Africa, Europa orientale, Balcani, Vicino e Medio Oriente, Centro e Sud America residenti nel territorio italiano da almeno un anno, il premio supporta la realizzazione di produzioni cinematografiche che si ispirano a una visione partecipata e dinamica della cultura contemporanea.
È un’iniziativa unica nel suo genere in Italia poiché facilita l’accesso ai fondi per le produzioni cinematografiche di cineasti migranti. Per un filmmaker di origine migrante, infatti, trovare dei fondi in Italia per finanziare le proprie opere è un’impresa quasi impossibile perché mancano politiche culturali volte a incoraggiarne le produzioni.
Il bando è pubblicato sui siti delle organizzazioni promotrici e rimarrà aperto fino al 15 maggio 2020.

L’Associazione Amici di Giana nasce nel 2008, in memoria di Gianandrea Mutti, bolognese animato da una passione totalizzante per il cinema. La sua prematura scomparsa ha suscitato nei suoi amici più cari il desiderio di ricordarlo tramite l’istituzione e la promozione di un premio cinematografico a lui intitolato.
L’Archivio delle Memorie Migranti è nato nel 2008 all’interno del progetto Confini sostenuto dalla Fondazione lettera27 presso l’Associazione Asinitas. Raccoglie un gruppo di autori, ricercatori, registi, operatori di terreno, migranti e non, impegnati nel tentativo di tenere traccia dei processi migratori in corso, attraverso l’inserimento di memorie ‘altre’ nel patrimonio collettivo della memoria nazionale e transnazionale.
La Fondazione Pianoterra Onlus nasce nel 2013 dall’esperienza dell’omonima associazione allo scopo di contrastare la povertà e la diseguaglianza sociale attraverso la promozione di progetti culturali rivolti a persone che vivono in contesti marginali.

 

Per informazioni: enrica.serrani@cineteca.bologna.it